Ricci Oddi, “Architetture e dipinti” di Gianni Croce

In concomitanza con la mostra fotografica “Gianni Croce. La vita moderna”, promossa dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano e in corso a Palazzo Ex Enel, la Galleria Ricci Oddi ospita da sabato 23 aprile e fino al 29 maggio, negli orari di apertura della Galleria, “Architetture e dipinti”, esposizione parallela e a complemento della mostra su Croce, dedicata ad una selezione di quadri e alcune fotografie d'architettura del celebre fotografo.

Gianni Croce, architetture e dipinti
Piacenza, Galleria Ricci Oddi (via San Siro 13)
23 aprile – 29 maggio 2016
Orari: dal martedì alla domenica 9,30 - 12,30 e 15,00 - 18,00 - lunedì chiuso

Informazioni: tel. 0523.320742; info@riccioddi.it; www.riccioddi.it

“Architetture e dipinti”: Gianni Croce fotografo e non solo

Lodigiano di nascita, classe 1896, Gianni Croce iniziò giovanissimo la professione di fotografo sotto la guida di Giuseppe Marchi, esponente della corrente Liberty. Fin dagli esordi aveva mostrato anche uno spiccato senso pittorico che affinò frequentando, a Lodi, corsi serali di disegno sotto la guida di Gandino Maisetti. La sua inclinazione per la pittura lo indusse a creare fotografie come quadri, al punto che l'architetto Pietro Berzolla ebbe a dire di lui: «Quando dipinge non è fotografo, quando fotografa è pittore».

Gianni Croce si trasferì a Piacenza al termine della Prima Guerra Mondiale e il suo studio fotografico divenne punto di incontro per molti piacentini, tra cui gli artisti che operavano in città in quegli anni, stringendo legami di amicizia e collaborazione con i pittori Luigi Arrigoni, Osvaldo Bot e Luciano Ricchetti.  Quest'ultimo rappresentò per il fotografo un modello cui ispirarsi: fu proprio lui a realizzare fondali e pannelli, di chiara influenza Liberty, usati per gli scatti fotografici. Nell’ottobre del 1926 l’Associazione degli Amici dell'Arte organizzò la IV Mostra d’Arte dei Pittori Piacentini, nella quale esordì Gianni Croce, esponendo accanto ad Arrigoni e Ricchetti. Nel 1927 Croce sposò Carla Arata, sorella dell'architetto Giulio Ulisse Arata che proprio in quegli anni stava dirigendo i lavori di costruzione della Galleria Ricci Oddi, da lui progettata. La stima reciproca si mostrò decisiva per Croce: Arata non solo commissionò al fotografo scatti d'architettura, ma lo introdusse nell'ambiente di personaggi illustri. E fu proprio Croce a fissare su pellicola l'inaugurazione della Galleria Ricci Oddi, l'11 ottobre 1931, e a realizzare una serie di suggestivi scatti architettonici del museo appena inaugurato.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Paladino a Piacenza, in Piazza Cavalli fino al 28 febbraio 2021

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Piazza Cavalli
  • "La scrittura come enigma", riaperta la mostra di Giorgio Milani in Sant'Agostino

    • Gratis
    • dal 12 gennaio al 28 febbraio 2021
    • Ex-Chiesa di Sant'Agostino

I più visti

  • Paladino a Piacenza, in Piazza Cavalli fino al 28 febbraio 2021

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Piazza Cavalli
  • Piacenza Cammina 2.0, escursione alla Cascata del Carlone - EVENTO ANNULLATO

    • solo oggi
    • Gratis
    • 24 gennaio 2021
    • Cascata del Carlone
  • "La scrittura come enigma", riaperta la mostra di Giorgio Milani in Sant'Agostino

    • Gratis
    • dal 12 gennaio al 28 febbraio 2021
    • Ex-Chiesa di Sant'Agostino
  • "Accolgo perchè ne vale la pena", corso di formazione del Progetto Confido

    • Gratis
    • dal 12 gennaio al 8 aprile 2021
    • Online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento