In mostra a Vigolzone la vita rurale e contadina del tempo che fu

Rimarrà esposta fino a mercoledì 1 novembre nello spazio espositivo del centro civico di Vigolzone la mostra “La vita rurale e contadina a Vigolzone”. Inaugurazione domenica 8 ottobre alle ore 11

Sarà inaugurata domenica 8 ottobre 2017 alle ore 11 nel Centro civico di Vigolzone - nell'ambito della Fiera d'Autunno - la mostra  dal titolo "La vita rurale e contadina a Vigolzone", allestita dall’associazione Culture per lo Sviluppo Locale.

Attraverso fotografie, documenti originali e numerose testimonianze l’esposizione costituisce un affascinate e commovente percorso alla ricerca delle radici contadine di Vigolzone, che ancora alla fine degli anni Cinquanta poteva essere definito “il paese delle 100 stalle”.

I curatori della mostra sono partiti dalla constatazione che dalle sue origini in epoca longobarda fino al secondo dopoguerra, e perciò per un arco di tempo di quasi 1500 anni, Vigolzone è rimasto fedele alle sue radici, anche se l’agricoltura non è più la principale attività per i suoi quasi 4500 abitanti,

Vigolzone è nato come villaggio rurale, costituito da piccoli agglomerati abitativi sparsi nella campagna ai piedi della collina e in prossimità del torrente Nure; cinque o sei insediamenti in tutto e una chiara, immutata, vocazione agricola. A partire dagli anni Cinquanta, però, è iniziata quella trasformazione per cui l'attività in agricoltura è stata ampiamente superata da industria, artigianato e terziario per numero di impiegati e reddito prodotto.

Con un paziente e accurato lavoro di ricerca Andrea Rossi, Roberta Milza, Liliana Cravedi e Umberto Gandi hanno ricomposto un quadro d’insieme del paese a partire degli anni Quaranta attraverso lo stato delle anime, le mappe del territorio, i contratti e le misure agrarie, le colture scomparse o modificate, i fabbricati rurali, il Sanmartino, le festività, i proverbi… Il tutto condito con aneddoti e curiosità, tra cui una esilarante divagazione sui soprannomi delle persone, e una gustosa digressione sulle abitudini alimentari.

Ferruccio Pizzamiglio si è invece occupato di ricostruire una breve ma completa storia dell’agricoltura piacentina, tenendo conto anche delle evoluzioni della meccanizzazione e delle mutazioni del paesaggio agrario.

Ma poiché la mostra è anche e soprattutto una mostra fotografica, raccoglie moltissimi scatti donati dai cittadini di Vigolzone, immagini che raccontano con affetto e un po’ di nostalgia un mondo che sta scomparendo ma che non è poi tanto lontano nel tempo.

Alla raccolta iconografica hanno inoltre contribuito Oreste Grana e Paolo Provesi che hanno attinto ai loro archivi personali e si sono occupati di documentare quel che resta delle 100 stalle di cui si è detto sopra.

La mostra potrà essere visitata fino al primo novembre al sabato dalle 16 alle 19 e di domenica dalle 9.30 alle 12.30. Mercoledì 1 novembre sarà aperta sia al mattino che al pomeriggio. Ingresso libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento