menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce a Piacenza il Comitato Italiano delle Associazioni Nazionale Storiche

La Rievocazione Storica italiana unisce tutte le sue forze per ottenere il riconoscimento giuridico da parte del Governo Italiano

La XII edizione di Armi&Bagagli - Mercato Internazionale della Rievocazione Storica, svoltasi come da tradizione nei padiglioni di Piacenza Expo, sabato 19 marzo ha tenuto a battesimo il Cians - Comitato Italiano delle Associazioni Nazionali Storiche, nato dall’unione delle principali federazioni, leghe e consorzi di rievocazione storica italiani. I soci fondatori sono infatti la Federazione Italiana Giochi Storici, la Cers Italia – rappresentanza italiana del Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche, la Lega Italiana Tiro alla Balestra, la Federazione Italiana Antichi Giuochi e Sports della Bandiera, la Federazione Italiana Tiro Arco Storico e Tradizionale, la Lega Italiana Sbandieratori. 

La cerimonia della firma dell’atto costitutivo del Cians si è svolta alla presenza di altri soggetti che hanno già manifestato l’interesse a unirsi al progetto, quali la Figest, la Fitetrec e la Uisp. “La scelta di ritrovarsi a Piacenza per l’atto ufficiale di costituzione – ha dichiarato il neo eletto presidente Massimo Andreoli – è fortemente simbolica, in quanto “Armi & Bagagli”, da tempo, è un punto di riferimento e di incontro per i rievocatori di tutta Europa: da qui deve partire il nostro percorso basato sulla massima partecipazione e condivisione”. 

Il Cians nasce con lo scopo di ottenere, da parte del Governo Italiano, il riconoscimento giuridico delle rievocazioni storiche “atto necessario e ormai non più rinviabile per un settore che nel nostro Paese vanta migliaia di praticanti e appassionati” ha specificato Andreoli “per questo uno dei primi atti concreti del comitato sarà quello di aprire quanto prima un tavolo di lavoro con il MIBACT, per valutare insieme il percorso e gli strumenti più efficaci per arrivare a tale riconoscimento”. Il direttivo del Cians, eletto in prima seduta, conta oltre al Presidente Andreoli (rappresentante del Cers), il vicepresidente Alessandro Benassai (Litab) e la segretaria Antonella Didoné (Figs), i consiglieri Antonella Palumbo (Fisb), Giuliano Cerioni (Fitast) e Marco Gastoldi (Lis). La sede legale è stata individuata nella città di Ascoli Piceno “città che ospita una delle Quintane più famose e antiche del nostro Paese – ha concluso Andreoli – e che ben incarna, a mio parere, quel giusto punto di incontro tra tradizione e innovazione che dovrebbe costituire la base più solida su cui sviluppare un’attività rievocativa di qualità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento