menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Io non sono un numero", seminario formativo per docenti

E' aperto ai docenti di tutti gli ordini e gradi il seminario formativo sulla valutazione nella scuole primaria, on line dalle 14.30 alle 18 di venerdì 4 dicembre

"IO NON SONO UN NUMERO":  seminario formativo a cura di  Proteo Fare Sapere Piacenza, Movimento di Cooperazione Educativa Piacenza e Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Piacenza, sul tema della VALUTAZIONE nella SCUOLA PRIMARIA, con invito aperto ai docenti di tutti gli ordini e gradi, il 04 dicembre 2020, dalle ore 14.30 alle ore 18.00.

Dopo quasi un trentennio si ritornò al voto numerico in pagella nella scuola primaria. Era il 2008 quando il MIUR, guidato dall'allora Ministra Maristella Gelmini, si fece promotore di quella iniziativa che veicolava l’idea di una scuola selettiva, meritocratica, competitiva, in antitesi con le istanze della pedagogia democratica, ispiratrice delle grandi riforme del sistema scolastico, ad esempio quella della Legge 517 del 1977, che onorava la natura costituzionale della scuola.

La Costituzione (artt.3/33) ci chiede di promuovere lo sviluppo della personalità degli alunni, eliminando gli ostacoli che si frappongono al pieno sviluppo della personalità di ciascuno. Se questa è la finalità del nostro lavoro di docenti, allora non possiamo categorizzare l’apprendimento dei nostri alunni attraverso un voto numerico.

La riflessione sul significato della valutazione, più che mai attuale in questa fase di stravolgimento della didattica e della relazione educativa, ha rilanciato il dibattito sull’utilizzo del voto numerico, a distanza di dodici anni da quel provvedimento che, per i promotori di questa iniziativa di formazione, costituisce uno strumento non adeguato, soprattutto nella scuola primaria, a fotografare l’apprendimento delle bambine e dei bambini, come processo complesso che interessa tutte le sfere della personalità.

Era necessario restituire alla valutazione la sua funzione di miglioramento della didattica e di promozione degli alunni, non intesa come lasciapassare per l’accesso alla classe successiva, ma come sostegno allo sviluppo della persona nella sua dimensione cognitiva, sociale, affettiva, ben al di là della classificazione delle bambine e dei bambini sulla base delle capacità e del profitto scolastico, nonché come utile strumento di promozione di un’idea di scuola inclusiva e democratica. Una valutazione coerente con una pedagogia dell’emancipazione deve avere prioritariamente, sia per alunno che per l’ insegnante, una funzione formativa di accompagnamento, ascolto, auto-regolazione del processo di insegnamento/apprendimento, permettendo di coglierne la dimensione evolutiva.

A fronte delle tante iniziative a sostegno di questa istanza, sono finalmente giunti i primi risultati concreti, oltre alla consapevolezza che l’abolizione del voto numerico nella scuola primaria potrebbe avviare il dibattito su tutti gli altri ordini di scuola.

Si ritornerà infatti ai giudizi descrittivi in luogo dei voti numerici per la valutazione intermedia e finale nella scuola primaria. È quanto prevede l’Ordinanza illustrata dal MI alle organizzazioni sindacali, in attuazione del Decreto Scuola.

L’Ordinanza Ministeriale è attualmente al vaglio del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) che dovrà esprimere in proposito il proprio parere.

Su questo tema, il 4 dicembre 2020, dalle ore 14.30 alle ore 18.00 si terrà il seminario di formazione “IO NON SONO UN NUMERO”, a cura di Proteo Fare Sapere Piacenza, Movimento di Cooperazione Educativa Piacenza e Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Piacenza, con invito alla partecipazione dei docenti tutti.

L’iniziativa sarà fruibile attraverso piattaforma ZOOM al link
https://cgiler.zoom.us/j/96537248808?pwd=UWJOeC9Kelhranl3VldaT0JMcEY1UT09
ID riunione: 965 3724 8808 (se richiesto)
Passcode: 320314 (se richiesto)

Programma:
14.30 – Apertura lavori:
• coordinamento: Mariuccia Zavattoni, presidente Proteo Fare Sapere Piacenza;
• saluti: Roberto Lovattini, coordinatore MCE Piacenza;
Giovanni Zavattoni, segretario FLC CGIL Piacenza.
14.40 – "Excursus sulla valutazione e le politiche scolastiche": Cinzia Mion, dirigente scolastica.
15.20 – "Dal voto al giudizio, come e perché": Manuela Calza, segretaria FLC CGIL Nazionale.
15.50 – “L’esperienza di Davide Tamagnini, maestro e ricercatore”.
16.10 – “L’esperienza piacentina del IV Circolo Didattico di Piacenza”: Manuela Rossi, docente.
16.30 – Virtual coffee break.
16.40 – “L’esperienza dell’Istituto Comprensivo di Cadeo”: Patrizia Guardincerri, docente.
17.00 – Dibattito.

Ai partecipanti sarà rilasciato attestato finale

ATTENZIONE! L’iniziativa è aperta ad un massimo di 250 partecipanti. Per aderire è necessario inoltrare una e-mail all’indirizzo piacenza@mce-fimem.it entro le ore 18.00 del 2 dicembre 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento