menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ostello del Teatro, uno spazio polivalente nel cuore di Piacenza

Da domenica 7 ottobre presso l'Ostello del Teatro, in via Trento 29, Sale polifunzionali per corsi e laboratori, più una foresteria per gli artisti e i pellegrini della Via Francigena

Si sono aperte il 7 ottobre le porte dell’Ostello del Teatro?, una realtà nuova e polifunzionale nata per ampliare e completare gli spazi e l’offerta del Teatro Trieste 34. Uno spazio contemporaneo e versatile creato per rispondere alle esigenze di chi il teatro lo crea, lo anima e lo vive.

Al numero 29 di via Trento si apre uno spazio di oltre 200 mq in cui trovano posto tre sale polifunzionali dotate di impianto audio, l'ideale per chi vuole organizzare o partecipare a corsi, laboratori ed esposizioni, ed una foresteria con 10 posti letto, cucina, lavanderia e tutti i servizi utili a chi sceglie di soggiornare per una o più notti.

A ideare e realizzare questo progetto è Filippo Arcelloni, di Piacenza Kultur Dom e direttore artistico del Teatro Trieste 34?, figura di riferimento del panorama artistico e culturale della città, il quale evidenzia come l'Ostello del Teatro nasca prima di tutto per rispondere ad una reale e concreta esigenza artistica.

"Dopo quasi 10 anni - afferma Filippo Arcelloni - gli spazi del Teatro Trieste 34, cresciuto in maniera costante anche grazie alle collaborazioni con Petit Pas, Traattori e Claudia Passaro?, iniziano ad essere saturi e non più sufficienti per ospitare tutti i progetti. Inoltre, non è nuovo il problema della mancanza di spazi adatti alle attività culturali a Piacenza, soprattutto a costi contenuti, e l’Ostello del Teatro vuole essere una risposta anche a questo, offrendosi come spazio aperto ai bisogni artistici della città e del quartiere Farnesiana”.

La struttura si compone di due macro aree con differenti destinazioni d’uso: da un lato troviamo tre sale polifunzionali ideali per l’organizzazione e la partecipazione a corsi, laboratori ed esposizioni. Le sale sono prenotabili per singoli eventi o per periodi più lunghi, con formule personalizzate a seconda delle esigenze dell’utente. Due sale possono essere unite per creare un unico grande spazio nel quale allestire mostre, esposizioni e rappresentazioni. A questo si aggiunge l'idea di Ostello, dove poter ospitare artisti in residenza e dedicare lo spazio del Teatro alla loro progettazione artistica attraverso un bando dedicato.

Una struttura ricettiva nata appositamente per rispondere alle esigenze di tutte quelle compagnie teatrali, artisti o performer che hanno necessità di soggiornare per lunghi periodi in una città nel corso della preparazione, dell’allestimento e della messa in scena del proprio spettacolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento