Altri Percorsi, al Municipale "Pensieri e parole - Omaggio a Lucio Battisti"

Dopo oltre dieci anni di sodalizio artistico, uno dei più originali interpreti della canzone italiana - Peppe Servillo - e cinque grandi musicisti di jazz - Javier Girotto, Fabrizio Bozzo, Furio Di Castri, Rita Marcotulli e Mattia Barbieri - si ritrovano per affrontare l’universo poetico di Lucio Battisti. In scena mercoledì 5 febbraio alle ore 21 al Teatro Municipale di Piacenza “Pensieri e parole - Omaggio a Lucio Battisti”, appuntamento inserito nel cartellone Altri Percorsi della Stagione di Prosa “Tre per Te” 2019/2020 proposta da Teatro Gioco Vita, direzione artistica di Diego Maj, con la Fondazione Teatri di Piacenza, il Comune di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Iren.

Gli arrangiamenti di Girotto e il genio teatrale di Peppe Servillo riescono a tracciare un nuovo percorso, suggestivo e inaspettato, attraverso venti grandi canzoni di Battisti. Un percorso ricco di sapori latini, ritmi avvolgenti, storia, emozioni e grande pathos. Da “Il mio canto libero” a “Penso a te”, la maestria di Peppe Servillo, Rita Marcotulli, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Furio di Castri e Mattia Barbieri si mette al servizio di questo straordinario autore, abbattendo i confini che separano il mondo della canzone da quello del jazz e dell’improvvisazione per portare il pubblico in un territorio aperto: quello della grande musica e della magia dei suoni.

Una sfida particolarmente impegnativa per l’assoluta particolarità del repertorio: l’originalità delle canzoni, il loro essere così diverse tra di loro nella musica e nei testi, così intrise da un’inesauribile vena compositiva, potrebbe rendere arduo il lavoro di affrontarle senza farne delle vere e proprie “cover”.

Spiega Peppe Servillo: «Dopo “Uomini in frac” e “Memorie di Adriano”, dopo un Modugno felice e il Celentano del clan, abbiamo deciso con Pensieri e parole di reinterpretare l’autore più intimo, lirico e personale della canzone italiana, Lucio Battisti. Popolare e sofisticato, italiano e solitario, costruttore e inventore di una canzone che resta intimamente patrimonio di tutti, incrociando sensibilità e pensieri musicali diversi. Cantare nuovamente le sue canzoni, da Mogol a Panella, è la possibilità per noi di rileggere una nostra storia minore e quotidiana che tanto ci suggerisce e commuove».

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Borgonovo, serata di cabaret con il Comic Club!

    • Gratis
    • dal 9 al 10 ottobre 2020
    • Teatro Capannone don Orione
  • Festival L''Altra Scena, Limited Edition

    • dal 28 settembre al 2 ottobre 2020
    • varie location, come da programma

I più visti

  • Musei di Palazzo Farnese, visite guidate ogni venerdì sera

    • dal 12 giugno al 25 settembre 2020
    • Palazzo Farnese
  • Il Germoglio, Festival d'Autunno

    • dal 19 settembre al 18 ottobre 2020
    • Il Germoglio
  • Travo, Parco archelogico "Villaggio neolitico"

    • dal 15 agosto al 31 dicembre 2020
    • Parco Archeologico "Villaggio Neolitico"
  • Antichi Organi. Un patrimonio da salvare, 33esima edizione

    • Gratis
    • dal 29 agosto al 18 ottobre 2020
    • varie location, come da programma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    IlPiacenza è in caricamento