Brussels Jazz Orchestra, al via il Piacenza Jazz Fest 2016

Grande attesa per l'avvio della 13° edizione della kermesse. Concerto inaugurale sabato 13 febbraio alle Rotative con la Brussels Jazz Orchestra con Enrico Pieranunzi e Jean-Paul Estiévenart

Un'immagine della Brussels Jazz Orchestra

Partenza in grande stile per l’edizione 2016 del Piacenza Jazz Fest. A inaugurarla ci penserà infatti un’intera orchestra: la Brussels Jazz Orchestra, con Jean-Paul Estiévenart alla tromba che presenterà il suo lavoro di rielaborazione del repertorio di un musicista molto amato come Enrico Pieranunzi.

Lo stesso Pieranunzi sarà ospite specialissimo della serata e suonerà al pianoforte insieme ai membri di questo ensemble, che è composto da sedici elementi che non si accontentano di riprodurre pedissequamente gli standard, ma vivono lo spirito del Jazz fino in fondo, andando a cercare un suono d’insieme dinamico, tale da rendere ciascun orchestrale anche un brillante solista.

L’inaugurazione, vero e proprio concerto-evento per la nostra città, assolutamente imperdibile, è prevista per sabato 13 febbraio alle ore 21.15 allo Spazio “Le Rotative” di via Benedettine 66 a Piacenza.

Il Piacenza Jazz Fest è organizzato dall’associazione culturale Piacenza Jazz Club, patrocinato dal MiBACT, con il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Comune di Piacenza, Comune di Fiorenzuola, Regione Emilia-Romagna e con il contributo di alcune realtà istituzionali e imprenditoriali del territorio.

I biglietti per questo concerto sono ancora acquistabili nei pomeriggi feriali presso la sede del Piacenza Jazz Club, il sabato mattina dalle 10.30 alle 12.30 presso il negozio Alphaville di Piacenza, oppure online sul sito www.liveticket.it.

Il concerto inaugurale presenta al pubblico italiano una delle ultime avventure musicali della Brussels Jazz Orchestra (BJO), l’omaggio a uno dei maestri più stimati del Jazz nostrano, sfociato in una proficua collaborazione. Lui è Enrico Pieranunzi, grande pianista, compositore ed arrangiatore romano, che tra i tanti ammiratori su cui ha esercitato il suo carismatico fascino può vantare anche la big band belga.

Pieranunzi compone un tipo di musica che stimola l’immaginazione; è visionario e avvincente, con un tocco in più da fantasista che rispecchia in pieno l’immagine che della creatività italiana spesso si ha all’estero. La BJO ha visto nel lavoro del maestro una sfida, quella di riuscire ad adattare alcune composizioni scelte all’interno del vasto repertorio del pianista, così leggere ed ariose, al pieno potenziale di esecuzione garantito da una grande formazione composta perlopiù da strumenti a fiato. Una sfida che ha avuto un esito assolutamente convincente.

Il risultato di questo felice incontro è racchiuso in un CD inciso dal vivo nel corso di un concerto nell’agosto 2014 e uscito nel 2015 per l’etichetta W.E.R.F. dal titolo “Music of Enrico Pieranunzi”. Anche in quell’occasione come per il concerto allo Spazio Rotative, a suonare il pianoforte era lo stesso Pieranunzi.

Enrico Pieranunzi ha registrato un’ottantina di CD a suo nome, senza contare quindi le apparizioni nei lavori di altri e ha composto non meno di 300 brani. Alcuni di questi (‘Night bird’, ‘Don’t forget the poet’, ‘Fellini’s waltz’) sono ormai diventati degli standard a tutti gli effetti. Ha diviso il palcoscenico con Chet Baker, Lee Konitz, Marc Johnson, Charlie Haden, Chris Potter e molti, davvero molti altri ed è l’unico musicista italiano di sempre e uno dei pochi in Europa a cui è stato concesso l’onore di suonare e registrare (nel luglio del 2009) presso il celeberrimo locale Village Vanguard di New York.

Come tromba solista suonerà il belga Jean-Paul Estiévenart, astro nascente del Jazz europeo che a trent’anni vanta già una lunga e luminosa carriera alle sue spalle e ancor di più sarà quella che lo aspetta, visti i presupposti. Prestigiose collaborazioni, un Django d’Oro come giovane talento nel 2006 oltre ad altri premi e riconoscimenti.

La Brussels Jazz Orchestra è un ensemble di 16 elementi che aderisce in maniera pedissequa agli standard, ma vive lo spirito del Jazz fino in fondo, andando a cercare un suono d’insieme dinamico e rendendo ciascun orchestrale al contempo anche un brillante solista. Compie una ricerca molto accurata sulle composizioni musicali che sceglie di interpretare, dedica molto tempo alla cura dettagliata degli arrangiamenti, che sono sempre originali e suona con grande inventiva ma al tempo stesso con una vena passionale molto accentuata. 

L’orchestra ha sede a Bruxelles presso Flagey, un polo culturale e sociale belga che è anche spazio per la creazione di musica con studi di registrazione e sale da concerto. Nata nel 1993 dall’idea del saxofonista e compositore Frank Vaganée, che ne è ancora il direttore artistico, insieme a Serge Plume, Marc Godfroid e Bo van der Werf, l’orchestra dal 1999 gode del patrocinio del Governo fiammingo, dal 2013 è membro del European Music Circle, un network nato con l’obiettivo di rafforzare la cooperazione tra le realtà delle big band.

Sul palco delle Rotative, insieme a Pieranunzi e a Estiévenart, ascolteremo Frank Vaganée (sax alto e soprano, flauto e direzione artistica), Dieter Limbourg (sax alto e soprano, clarinetto e flauto), Kurt Van Herck (sax tenore e soprano, clarinetto e flauto), Bart Defoort (sax tenore, soprano e clarinetto), Bo Van der Werf (sax baritono e clarinetto basso), Marc Godfroid, Lode Mertens e Frederik Heirman (tromboni), Laurent Hendrick (trombone basso e tuba), Serge Plume, Nico Schepers, Pierre Drevet e Jeroen Van Malderen (trombe e flicorni), Jos Machtel (contrabbasso) eToni Vitacolonna (batteria).

Oltre alla sua normale attività concertistica e alle incisioni, la BJO vanta numerose collaborazioni con musicisti e compositori molto noti che le hanno aperto la possibilità di suonare sui palcoscenici di tutto il mondo. La formazione belga ha suonato con Richard Galliano, David Linx, Philip Catherine, Bert Joris, Tutu Puoane, la Brussels Philharmonic, Joe Lovano, Maria Schneider, Kenny Werner, Dave Liebman, Dave Douglas, Gianluigi Trovesi, Gustavo Bergalli, Norma Winstone, McCoy Tyner, Maria João, Kenny Wheeler, Lee Konitz, Perico Sambeat, Toots Thielemans e molti altri ancora.

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito www.piacenzajazzfest.it o visitare la pagina Facebook del festival www.facebook.it/piacenzajazzfest. Per contatti si può scrivere alla mail biglietti@piacenzajazzclub.it oppure telefonare allo 0523.579034 – 366.5373201

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento