"Piacenza nel cuore": una serata di musica per celebrare Sant'Antonino

Lunedì 4 luglio Piazza Cavalli indossa l’abito delle grandi occasioni per presentare Piacenza nel Cuore, rassegna della canzone dialettale denominata “Sant’Antonino con parole e musiche della nostra terra”

Lunedì 4 luglio Piazza Cavalli indossa l’abito delle grandi occasioni per presentare Piacenza nel Cuore, rassegna della canzone dialettale denominata “Sant’Antonino con parole e musiche della nostra terra”, realizzata da Marilena Massarini a conclusione delle celebrazioni per il Santo Patrono. La colonna sonora sarà curata dall’orchestra di Marino Castelli con la cantante piacentina Daniela, mentre il maestro Bruno Morsia con la sua chitarra sarà il filo conduttore musicale della serata. Sul palco dalle ore 20,45 si alterneranno alcuni tra i più amati interpreti nostrani che proporranno motivi vecchi e nuovi dedicati sia ai piacentini, sia agli “arius”. In caso di pioggia lo spettacolo si terrà nel salone di Palazzo Gotico. La manifestazione giunta alla ventunesima edizione fin dagli esordi ha avuto il patrocinio del Comune di Piacenza e il sostegno della Banca di Piacenza e della Cantina Valtidone e sarà trasmessa la prossima settimana da Telelibertà.  “In Piazza Cavalli è tutto pronto per accogliere il pubblico che vorrà accomodarsi nel nostro magnifico salotto – afferma Marilena Massarini – quindi invito i piacentini, e chi ama il nostro dialetto, a sfuggire al caldo e accomodarsi in Piazza Cavalli, che di sera è sempre rinfrescata da una leggera brezza e dove per l’occasione il Comune ha allestito un’elegante platea, in cui si potranno accomodare in posti riservati anche i disabili, grazie al servizio offerto dagli anziani socialmente utili dell’Auser. Piacenza nel Cuore non è dedicata solo ai piacentini, ma anche a coloro che vogliono capire la nostra vera anima, apparentemente dura, ma in realtà tanto generosa e solidale. Non sarà una serata nostalgica e dedicata al passato, che comunque abbiamo il dovere di trasmettere alle nuove generazioni, ma canteremo anche al futuro che la gente vorrebbe per Piacenza”.

IL PROGRAMMA

Il repertorio della serata sarà molto vario, sia per l’eterogeneità degli interpreti, sia per la varietà delle canzoni proposte, che vanno dalla classica “La Rusina” scritta da Bearesi – Serratore fino a “Rundana dal Farnes” di Umberto Lamberti, interpretate dal duo canoro “I rundan ‘d Piaseinsa”, composto dalle giovanissime Maristella Zarantonello e Lucia Carmagnola, le quali rappresentano il futuro del vernacolo, poiché oltre a cimentarsi nel canto, lo comprendono e cercano di parlarlo.

Tornerà sul palco di Piazza Cavalli anche Maurizio Pitacco, cantante e chitarrista con un brano inedito scritto da Curtoni “Al Pont”, piacevole ed orecchiabile melodia che dipinge nostalgicamente la straordinaria bellezza del Po, simbolo della nostra città e della nostra gente. Sarà poi la volta di Silvano D’Angiò, poliedrico artista di grande successo fin dagli anni sessanta, partecipando a varie edizioni del Disco per l’Estate e Cantagiro, ma sempre legato alla sua terra, tanto da scrivere “Ma veda vè”, storia di un emigrato che decide di tornarsene a casa.

Marilena ha invitato a cantare anche altri personaggi importanti per la musica piacentina, come Maurizio Sesenna raffinato ed eclettico artista che per l’occasione si esibirà in vernacolo con due brani inediti scritti da Adriano Vignola “Lassim andä” e “Pësgatt blues.

Per la prima volta saranno presenti I Cani della Biscia, gruppo che sta avendo grande successo con uno stile molto alternativo: presenteranno “Me ‘m sa car” e “La me siguleina”, due celebri brani in dialetto contenuti nel loro ultimo lavoro discografico.

Il dialetto ha varie anime e Mariangela Argentino, giovane cantante reduce da successi nazionali che l’hanno portata anche alla ribalta televisiva e delle classifiche discografiche, proporrà “Rosal” di Carella-Basini, una performance dal vivo accompagnata da Alessandro Mauro, professore laureato in pianoforte. Altri virtuosi musicisti piacentini: il Prof. Cesare Zannetti alla tromba, che, dopo una carriera internazionale ai massimi livelli artistici, ha scelto di vivere nella nostra città, e il maestro Alberto Kalle, virtuoso della fisarmonica che proporrà brani della tradizione delle nostre montagne. 

Novità di questa edizione sarà l’esibizione de “I Ragasein dal Pont da l’Oli” gli scolari delle classi quarte A e B della scuola primaria di Ponte dell’Olio, che sono stati protagonisti della rassegna “Scuole in coro per Mariele” conquistando il Teatro Duse di Bologna. La giovanissima formazione, guidata dal maestro Barbara Pilla, raccoglie il successo di due anni di studio della musica: dedicheranno al pubblico “Tal dig in piasintein” la popolare e celebre canzone scritta dal compianto Gianni Levoni. 

Il momento lirico sarà proposto da Alfredo Lamberti, poeta “dal sass” che con i suoi versi ci farà capire la vera anima di una Piacenza che va scomparendo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento