menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine della presentazione del progetto

Un'immagine della presentazione del progetto

POrta, il progetto che collega la città al Grande Fiume

Sarà fruibile fino a metà novembre il percorso artistico "POrta" a cura di Antonella De Nisco. Visite guidate gratuite ogni sabato di settembre e ottobre

L'artista Antonella De Nisco è protagonista a Piacenza di un progetto d’arte ambientale teso a dare voce al paesaggio e segnare un percorso di riavvicinamento al Po, custode di un’identità ancestrale da riscoprire e valorizzare.

"Una POrta sul Grande Fiume" è un evento promosso dall’Associazione Culturale Arti e Pensieri in collaborazione con il Comune di Piacenza, con il patrocinio del Festival Europeo della Via Francigena. 

Il percorso si articola in quattro punti, accomunati dal tema dello sguardo. Punto di partenza, la veduta di Piacenza dal Po che si trova nel dipinto “La Beata Vergine e Cristo intercedenti” (1603) di G. B. Trotti detto il Malosso, conservato presso la Pinacoteca dei Musei Civici di Palazzo Farnese.

Secondo punto di interesse, il “Binocolo”, collocato nel cortile di Palazzo Farnese e, dall'11/09, sulla terrazza del fronte nord del Palazzo.  Un’opera che invita a rivolgere lo sguardo verso le rive del fiume, che in linea d’aria distano poche centinaia di metri, ma che risultano di fatto lontane a causa delle barriere architettoniche, del traffico e, soprattutto, dell’abitudine a non considerare questo spazio naturale come una risorsa reale.

Il terzo punto del percorso individuato da Antonella De Nisco è dislocato alla  Porta del Soccorso , situata lungo il tracciato delle mura cinquecentesche e significativamente rivolta verso il Po. Anche in questo caso l’installazione, che si intitola “ Periscopio ”, rimanda al tema della visione, sottolineandone le valenze storiche, in quanto l’atto di guardare è soggetto ai condizionamenti culturali delle diverse epoche.

La tappa finale del processo fisico e ideale di riavvicinamento al fiume è costituita da un’ulteriore installazione collocata tra gli alberi sulla  riva del fiume  e intitolata “Spiatoio”. Ancora una volta, si tratta di un dispositivo pensato per creare un punto di vista privilegiato sulle acque del Grande Fiume.

?

«Come artista – scrive Antonella De Nisco – non realizzo sculture dentro al paesaggio ma cerco tracce che trasformino lo spazio in scultura. La pratica manuale è il mezzo, l’intervento operativo attraverso il quale esprimere un pensiero sottile e, a volte, provocatorio. Mi piace lavorare sull’ambiente e con le persone, che diventano così parte integrante dell’opera che realizzo durante i laboratori. Il “fare” serve a capire, cambiare, trasformare lo spazio per arricchire, ritrovare, riconoscere il senso dell’artificiale e del naturale. Si tratta di interventi temporanei in quanto realizzare l’effimero, il transitorio, comporta quella leggerezza estetica che io vedo come una grande qualità».

?

Fino al 15 novembre 2016 sarà possibile fruire autonomamente del percorso mediante le mappe in distribuzione presso i Musei di Palazzo Farnese.         

Visite guidate gratuite saranno inoltre organizzate ogni sabato di settembre e ottobre (programma completo ed orari:www.artiepensieri.com). Sabato 17 settembre, in particolare, sarà dedicato al progetto “POrta” con visita guidata mattutina alla presenza dell’artista e tavola rotonda, alle ore 16.00, su Lungo Po, dedicata al tema del paesaggio fluviale indagato attraverso vari punti di vista: dalla Land Art all’ecologia, sino alla progettazione urbanistica. A seguire, laboratori, bicitour e navigazioni fluviali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento