Psichiatria e teatro, ciclo di incontri al Liceo Colombini

A breve l'avvio di un ciclo di incontri tra alcune classi del Liceo Colombini e lo psicologo Marco Martinelli sul rapporto tra teatro e psichiatria. In programma l'analisi di tre capolavori della letteratura, accomunati dal tema di fondo della solitudine umana

Per alcune classi del Liceo Colombini di Piacenza si apre un percorso di formazione sul rapporto tra teatro e psichiatria, curato dallo psichiatra Giovanni Smerieri e realizzato dallo psicologo-psicoterapeuta Marco Martinelli.
Si tratta di un'iniziativa che ha il fine di rendere fruibile ad un pubblico di studenti il progetto “Il dubbio e la certezza – Psichiatria e psicoanalisi a teatro” proposto da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione nell’ambito del programma “InFormazione Teatrale”, organizzato con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano.

IN PROGRAMMA  TRE INCONTRI - Sono previsti tre appuntamenti tra aprile e maggio, che si terranno nell’aula Magna del Liceo Colombini. L’iniziativa è realizzata con il coordinamento della professoressa Silvia Ughini e la collaborazione delle professoresse Lorella Carini e Barbara Gobbi. Si inizierà lunedì 4 aprile, parlando di “Amleto”, mentre martedì 19 aprile il tema dell'incontro sarà costituito dall'opera "Il Misantropo". Ultimo appuntamento il 3 maggio, per soffermarsi su "Don Chisciotte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SHAKESPEARE, MOLIERE, CERVANTES  - Durante gli incontri i testi di Shakespeare, Molière e Miguel de Cervantes, a partire dalla lettura di alcuni brani particolarmente significativi, verranno analizzati dal punto di vista psichiatrico e psicanalitico, come se i protagonisti delle tre celebri opere fossero veri e propri “pazienti”.
Tema di fondo del progetto è rappresentato dalla sofferenza di chi, non avendo fiducia in sé, si ritrova incapace di relazioni. «Il filo conduttore – spiega infatti l’ideatore del progetto Giovanni Smerieri – è la sofferenza disperante, comica, surreale di chi ha perso la fiducia nel proprio mondo, e si ritrova solo nelle relazioni umane".






 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento