S. Messa nel tredicesimo anniversario della morte di don Giussani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Come ogni anno, anche in occasione del tredicesimo anniversario della morte, il movimento di Comunione e Liberazione si appresta a ricordare il suo fondatore, il servo di Dio Mons. Luigi Giussani, scomparso a Milano il 22 febbraio 2005.

Anche la comunità piacentina di CL si associa alla commemorazione, proponendo la celebrazione di una S. Messa venerdì 2 marzo alle 21.15 nella chiesa cittadina di S. Rita (sullo Stradone Farnese). La Messa sarà presieduta, come di consueto, dal Vescovo Mons. Gianni Ambrosio, che al termine provvederà anche a benedire i locali della nuova sede cittadina del movimento, in via Torta.

«Nell’anno del Sinodo dei Giovani chiediamo al Signore di vivere l’intensità di passione educativa per le nuove generazioni che sempre ha animato il pensiero e l’opera di don Giussani». È questa l’intenzione di preghiera proposta da CL in occasione delle celebrazioni in ricordo di don Giussani; essa va al cuore di quella che è stata una costante preoccupazione del sacerdote milanese: l’educazione e l’annuncio del vangelo ai giovani. Anche oggi, del resto, CL rimane un movimento diffuso tra i più giovani, ai quali Giussani ha sempre cercato di insegnare la passione per la realtà e la necessità di cercare una risposta ai propri desideri infiniti: «il desiderio, che è l’espressione della nostra vita di uomini, in ultima analisi incarna quella attrattiva profonda con cui Dio ci chiama a sé» (da: Realtà e Giovinezza. La sfida, Rizzoli 2018). In un mondo dove prevale la confusione e tutto sembra uguale, l’educazione rimane l’unica seria possibilità per imparare a vivere, all’interno di un’ipotesi totalmente positiva, resa possibile dalla presenza incontrabile di Cristo. Anche oggi, incalza Giussani, il compito dei cristiani non è «direttamente cambiare la faccia al mondo risolvendone i problemi», ma «portare Cristo, cioè mettere nel mondo il seme della soluzione» (Ibidem).

Comunione e Liberazione di Piacenza invita a partecipare alla S. Messa commemorativa di venerdì 2 marzo tutti coloro che hanno conosciuto l’esperienza di don Giussani e della Fraternità di Comunione e Liberazione.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento