Sarah, piacentina a Miss Italia: "Sogno la moda"

20 anni da Castell'Arquato, fisico mozzafiato, Sarah Baderna è entrata nelle prefinali di Montecatini per Miss Italia 2011. Iscritta a Economia, sogna un futuro da fashion designer. L'abbiamo intervistata

Sarah Baderna (foto Kaleidos Management)

Occhi verdi, capelli biondi, fisico statuario, 1,80 cm. Un tatuaggio enigmatico sul braccio sinistro. Basterebbero poche pennellate per ritrarla. Eppure Sarah Baderna, 20 anni da Castell'Arquato (ma nata a Fidenza), è molto di più che un'icona di foto glamour. Modella da quando aveva 16 anni, è stata indossatrice per Just Cavalli, ama disegnare i proprio abiti, ha la maturità scientifica e segue (con profitto) Economia ed amministrazione delle imprese all'Università Bicocca di Milano.

A fine mese l'aspetta la sua seconda avventura a Miss Italia. Il suo feeling con il concorso iniziò già nel 2009; fu impossibile non notarla, arrivò in finale. Due anni dopo, le orme sono ancora calcate: rappresenterà l'Emilia Romagna alle prefinali di Montecatini dopo aver vinto - sbaragliando un'agguerrita concorrenza - il titolo di Miss Cinema Veribel Emilia Romagna. Il sogno delle sessanta finaliste, per lo scettro di bellezza più ambito, è ancora lì, da sfiorare.

Allora Sarah... Dopo due anni, sei ancora tra le più belle d'Italia, con lo scettro di Miss Cinema Veribel Emilia Romagna...

E' una splendida sensazione. In questi anni sono cambiate molte cose per me. Ho lavorato tanto, non tralasciando la scuola. Mi si sono aperte opportunità e mi affaccio al concorso per la seconda volta con molta più esperienza, sapendo cosa dovrò affrontare.

Come vivi queste settimane?

Sono giorni durissimi, nel vero senso della parola. La gente pensa che sia un mondo "dorato", ma in realtà si fa fatica, eccome. Andiamo a letto tardi, ci svegliamo prestissimo. Ogni ora della giornata è impiegata da prove, interviste, servizi fotografici con gli sponsor. Non abbiamo il tempo di respirare. Ma, ovviamente, è una grande opportunità.

Si sente la competizione?

Sì, un pochino sì. Ma devo dire che non vedo affatto le altre ragazze come "rivali". Ho legato tantissimo con una ragazza di Parma, e anche con le altre mi trovo molto bene. Un po' di spirito competitivo è giusto, ma nulla più: siamo un gruppo affiatato. Non ci sono le rivalità "estreme" del quale ogni tanto si legge sui giornali.

Qualcuna secondo te ha qualche "spintarella" in più dai giudici?

Non saprei. Io no di sicuro... Ma probabilmente qualcuna che sta più simpatica di altre ai giudici c'è. Come in tutti i concorsi del mondo.

Cosa ti ha spinto a intraprendere questa carriera?

Mi iscrisse mia madre nel 2009 a Miss Italia. Ero giovanissima, fu una bella esperienza. Poi, soprattutto, sono stata attratta dal mondo della moda. Non solo come modella, ma come stylist. Disegno alcuni miei vestiti. Mi piacerebbe fare questo in futuro, rimanendo però ben ancorata agli studi come primo obbiettivo: vorrei laurearmi il prima possibile.

Quindi... nè cinema nè televisione?

No, almeno per ora. Mi piacerebbe arrivare ad avere una mia linea, un mio brand. Per far questo, servono i contatti giusti. E sono porte che Miss Italia ti può aprire. Per fare un esempio... la corona di Miss Moda non mi dispiacerebbe!

La tua famiglia sarà il tuo tifoso numero uno...

Sì, i miei genitori sono fantastici. Durante tutte le selezioni, mi hanno sempre accompagnato, anche e soprattutto quando le serate finivano tardissimo. Mi sostengono e mi danno forza. Così i miei amici.

Fidanzati gelosi?

No (sorride, ndr). Non do motivo al mio ragazzo di essere geloso. Semmai il vero problema di Miss Italia è la "durezza": possiamo vedere famigliari e fidanzati solo per mezz'ora tra una prova e un'altra, e solo nella hall dell'albergo, non fuori, controllate a vista. E' chiaro che la lontananza si sente e qualche discussione è nata. Ma non per gelosia.

Cosa ci attenderà, televisivamente, nell'edizione di quest'anno?

Le serate finali saranno due, e non tre. Nel 2009 ballammo, cantammo, recitammo. Ci insegnarono molto. Quest'anno non sappiamo che accadrà, anche perchè tutto sarà più veloce e "raccolto", con Fabrizio Frizzi a presentare.

Non ci resta che incrociare le dita, e aspettare che il tuo nome sia a caratteri cubitali nello schermo della finalissima di Montecatini...

Speriamo, grazie!

 

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento