menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine di scena

Un'immagine di scena

Scuola di Teatro Manicomics, Open Week dal 3 al 9 ottobre

La Scuola di Teatro di Manicomics riapre l'anno accademico. Open Week dal 3 al 9 ottobre 2016 e FEDERICO FELLINI personaggio-guida 2016/2017

Le proposte teatrali sul territorio sono tante e differenziate ma pochissime vantano la lunga esperienza della Scuola di Teatro Manicomics, una delle compagnia professionistiche della nostra città che da anni opera in Italia e all’estero con notevoli successi. Ricordiamo solo il festival teatrale estivo LULTIMAPROVINCIA, giunto alla sua 25° edizione, e le collaborazioni dei suoi attori con la nota ensemble Cirque du Soleil di Montreal e con la Compagnia Finzi Pasca di Lugano.

Ma, come seguendo un duplice percorso, la compagnia si muove in modo internazionale e allo stesso tempo tiene i piedi ben piantati nel nostro territorio: laboratori teatrali e workshop in ambito sociale, spettacoli sul territorio italiano, progetti speciali rivolti ai giovani, la collaborazione con gli enti comunali, provinciali e regionali, i riconoscimenti nell’ambito della pedagogia teatrale e del teatro come risorsa pedagogica. E proprio in questo ambito di settore, territoriale, la compagnia inserisce la sua proposta pedagogica, rivolta a giovani e adulti, nell’ambito della formazione attoriale.

La Scuola di Teatro Manicomics inizia i suoi percorsi nel 1999 e continua, senza interruzione sino ad oggi. I docenti sono gli attori e le attrici della Compagnia, i collaboratori stretti e professionisti che intervengono per brevi stage durante l’anno. La Scuola, grazie ad una convenzione in essere con A.S.P. – Città di Piacenza, è ospitata nei bellissimi locali del chiostro degli Ospizi Civili in Piacenza, in via Scalabrini 19.

Ma prima di parlare dei programmi, vale la pena citare il tema guida dell’anno. La Scuola ha scelto, dal 2011, di darsi un tema generale per tutte le classi che orienti, liberamente, il lavoro pedagogico e la costruzione del saggio di fine anno. Il tema spazia tra argomenti astratti e personaggi reali, dal 2011 ad oggi la Scuola ha incontrato: la Bugia, Don Chiscotte, La manutenzione degli affetti, Senza Parole, Il cibo, Uomo e Natura. Il 2016/2017 vedrà impegnate le classi sulla stimolante figura di Federico Felli: l’uomo, il regista, i films e le sue connessioni con il teatro.

Anche quest’anno mantengono la direzione della Scuola Allegra Spernanzoni, Rolando Tarquini e Mauro Mozzani che ci hanno parlato dei programmi e dei docenti.

“Come sempre - ci racconta Rolando Tarquini – i docenti sono gli attori e le attrici della compagnia ma anche i collaboratori e amici vicini al nostro progetto. Il percorso del 1° anno/Movimento sarà portato avanti da Mauro Mozzani e Samantha Oldani; il 2° anno/Creazione verrà invece seguito da Mauro Caminati e Paolo Pisi; il gruppo bambini da Agostino Bossi e Maria Spelta mentre per il gruppo adolescenti avremo Matteo Ghisalberti e Alberto Fontanella. Sia io che Allegra Spernanzoni interverremo in tutti i gruppi con particolari percorsi legate al lavoro sulla maschera neutra ed espressiva, al gioco teatrale e all’allenamento fisico. Vi è poi un gruppo di altri collaboratori che hanno mansioni speciali di appoggio ai percorsi, di carattere amministrativo e di gestione organizzativa della Scuola e sono Marica Cristina Tarquini, Fabio Piazzi, Graziella Rimondi e Sara Balzarelli e Matteo Ghisalberti. Anche quest’anno sarà attivato il percorso infanzia che sta crescendo come numero in modo significativo e sarà seguito da Matteo Ghisalberti, Maria e Giovanni Spelta”.

Ma veniamo ora ai percorsi e alle date della Open Week. Un percorso base viene proposto ogni anno, che subisce naturalmente differenze in funzione dell’età e della esperienza ma che permette agli allievi di riconoscersi anche a distanza di anni: dallo studio del movimento e delle dinamiche corporee come le articolazioni, il punto fisso, la scomposizione del movimento, la camminata, si passa ad affrontare tematiche come il ritmo, il tempo e il contrattempo, lo spazio e la relazioni con gli altri. Ma tante ancora sono le “materie” affrontate: la fiducia, gli elementi e i materiali, il lavoro con la maschera, l’improvvisazione e la voce, la scrittura. Unitamente a queste materie si affrontano grandi aree tematiche come il clown, la tragedia, la poesia e ancora il teatro sociale e la competenza comunicativa. Tale proposta è articolata e suggerita da Manicomics a tutti colori che per una volta vogliono provare a uscire dalla quotidianità per addentrarsi nel mondo dell’extra-quotidiano teatrale, per scoprire un poco di più le risorse che il nostro corpo e la nostra mente ci mettono a disposizione e di cui usiamo solo una piccola parte. Tale percorso è adatto ai bambini, agli adulti che vogliono iniziare o approfondire la propria formazione teatrale, agli insegnanti e esperti di comunicazione, a studenti di scienze sociali e umanistiche.

Come sempre i percorsi della scuola iniziano a ottobre e terminano a giugno presentando, nel Festival SPAM, i lavori e i saggi prodotti dai singoli corsi. Il calendario della scuola, già pronto, prevede che ogni percorso abbia una lezione settimanale di circa tre ore e possa accedere eventualmente a una serie si stage formativi organizzati separatamente dal percorso ufficiale ed aperti anche agli esterni alla scuola.

Ma vediamo in dettaglio le proposte. Anche quest’anno viene riproposto il corso per l’infanzia, dai 3 ai 7 anni e si terrà nella giornata di sabato dalle ore 10.00 alle ore 11.30. Il corso rivolto ai bambini dai 7 ai 10 anni si terrà invece nella giornata di martedì dalle ore 17.00 alle 19.00. Gli adolescenti e i giovani dai 14 anni ai 18 anni saranno invece i veri protagonisti del corso di teatro di movimento e circo e si incontreranno nella giornata di mercoledì dalle ore 17.30 alle ore 20.00.

Passiamo invece alle proposte per gli adulti, rivolte sia a chi inizia sia a chi vuole approfondire le tematiche sopra esposte. Il corso del 1° anno rivolto agli adulti prende anche quest’anno il nome di 1° Anno/Movimento e si terrà il lunedì dalle ore 20.00 alle ore 23.00. Questo percorso è aperto a giovani e adulti dai 18 anni in su. Per chi invece è interessato ad approfondire le tematiche della creazione teatrale potrà unirsi, previo colloquio, al gruppo del 2° Anno/Creazione che si incontrerà il giovedi dalle ore 20 alle ore 23.00.

Si aggiunge a questo nutrito gruppo di percorsi e docenti il percorso della Officina M, gruppo di sperimentazione e approfondimento della TOM, che svolge caso a sé. Officina M è composto da attori e attrici non professionisti che seguono Manicomics da lungo tempo.

La OPEN WEEK è stata programmata per permettere una lezione di prova dei vari percorsi. In sostanza ecco l’organizzazione della settimana. Gli incontri per il 1° anno/movimento saranno il 3, 4, 5 ottobre dalle 20 alle 23. Gli incontri sono in alternativa e sono state programmate 3 serate per dare più possibilità di partecipazione a coloro che intendono iscriversi al primo anno. Coloro che parteciperanno al 2° anno/creazione e le nuove iscrizioni a questo percorso si incontreranno giovedi 6 ottobre dalle 20 alle 23. Per i bambini la giornata è martedi 4 ottobre dalle 17 alle 19 e per gli adolescenti mercoledi 5 ottobre dalle 17 alle 19. Per l’infanzia ci incontreremo sabato 8 dalle 10 alle 11.30.

Tutti gli incontri si tengono in via Scalabrini 19, sede della Scuola.

Se si fosse impossibilitati a venire si può in ogni caso sentire, per qualsiasi informazione, i seguenti numeri: Maria Cristina Tarquini 339 2908344 o Matteo Ghisalberti 380 3061872. Oppure mandare una email a info@manicomics.it. Si può altresì trovare informazioni sul sito www.manicomics.it e su facebook https://www.facebook.com/manicomics.teatro

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento