menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto web

Foto web

Sempre più minorenni costrette a prostituirsi, il 4 febbraio una fiaccolata

«Questa violenza protratta nei confronti di ragazzine è un fatto inaccettabile» dichiara Giovanni Paolo Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII

Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovanni XXIII operative in varie città d'Italia emerge un aumento delle minorenni indotte alla prostituzione, che in alcune zone arriva al 50% delle presenze in strada. A Settimo Torinese si è osservata una presenza di 25 vittime di tratta stimate minorenni su un totale di 40, a Trofarello(TO) 15 su 30. L'Unità di strada di Verona sud durante una recente rilevazione dicembre ha segnalato 20 ragazze presunte minorenni su 45. Le vittime, se contattate, dichiarano età tra i 18 e i 21 anni ma i loro tratti somatici e comportamentali consentono di ritenere con ragionevole certezza la minore età. «A volte sono le stesse vittime presenti da più tempo a segnalarci preoccupate la presenza di ragazzine minorenni, chiedendoci di intervenire» raccontano i volontari delle Unità di strada.
Il fenomeno riguarda soprattutto minorenni nigeriane. «Quelle che incontriamo in questo periodo sono tutte nuove – spiegano i responsabili dell'Unità di strada di Verona – Ci raccontano di essere arrivate da uno o due mesi con i barconi, dopo essere passate dalla Libia».

«Questa violenza protratta nei confronti di ragazzine è un fatto inaccettabile - dichiara Giovanni Paolo Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII -. Chiediamo ai responsabili delle forze dell'ordine di applicare l'articolo 600 bis del Codice Penale che punisce con pena da 1 a 6 anni di reclusione chiunque commette atti sessuali nei confronti di minorenni dietro pagamento di corrispettivo con persone di età compresa tra i 14 e i 18 anni, mentre sotto i 14 anni è previsto il reato di pedofilia».
Per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni la Comunità papa Giovanni XXIII organizza una serie di eventi in occasione di santa Giuseppina Bakhita – l’8 febbraio - che fu resa schiava all’età di 7 anni ed è oggi simbolo di riscatto per le vittime di tratta.

Il 4 febbraio a Piacenza ci sarà una fiaccolata per le vie della città. Partenza alle ore 16 da viale Malta (area parcheggio davanti alla questura) e arrivo in piazza Cavalli. Alle 18 ci sarà la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Gianni Ambrosio, presso la Basilica di San Francesco. La Comunità Papa Giovanni XXIII ha lanciato negli scorsi mesi la campagna “Questo è il mio corpo”. La campagna propone delle azioni per chiedere al parlamento e al governo italiani una legge che sanzioni il cliente, sulla scia del “modello nordico”, adottato in Svezia, Norvegia, Islanda, Francia, e auspicato dall’Unione europea. www.questoeilmiocorpo.org

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento