Venerdì a Pianello si ride con i comici di Zelig

In Piazza Umberto ! venerdì 22 luglio dalle 22.30 una divertente serata con due giovani e promettenti comici provenienti da Zelig, Giovanni D'Angella e Maurizio Bronzini

Serata all’insegna del buon umore e del divertimento quella offerta alla comunità di Pianello e ai tanti ospiti e villeggianti della Val Tidone dall’attivissima associazione Pianello Frizzante, con la collaborazione dell’amministrazione comunale e il contributo dei bar Raggio d’oro, 900 e Grande.

Ad esibirsi in Piazza Umberto I in un attesissimo spettacolo a ingresso gratuito saranno infatti, venerdì sera 22 luglio, due giovani ma già affermati comici provenienti direttamente da Zelig, una vera e propria accademia della comicità, che alla seguitissima trasmissione televisiva in onda sulle reti Mediaset unisce una serie di laboratori e progetti per giovani virtuosi della battuta.

Venerdì 22, dalle ore 22.30 salirà sul palco Giovanni D’Angella, proveniente da Zelig Circus e secondo classificato alla trasmissione Eccezionale Veramente con l’irresistibile personaggio del pigro.
D’Angella è artista eclettico che svaria dal cabaret alla recitazione e all’animazione: saprà senza dubbio intrattenere e divertire il pubblico pianellese.

Non meno risate promette l’esibizione del piacentino Maurizio Bronzini, che ha saputo imporsi nei LAB Zelig on the road ed è stato tra i protagonisti della trasmissione televisiva Tu si que vales, grazie alla sua verve comica e alla grande esperienza maturata nel teatro d’improvvisazione con la sua compagnia Le Vissole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento