Domenica, 24 Ottobre 2021
Eventi

Addio al 2019 con “Il Sordo – Sogno d'amore in una notte di San Silvestro”

Martedì 31 dicembre alle 18 in scena al Municipale la nuova opera su libretto di Leo Nucci. Prima esecuzione assoluta per i 250 anni della nascita di Ludwig van Beethoven con il celebre baritono nel ruolo di Beethoven

San Silvestro al Teatro Municipale di Piacenza sarà nel segno di uno speciale omaggio a  Ludwig van Beeethoven, di cui nel 2020 ricorre il 250° anniversario della nascita:  al grande compositore è infatti dedicata  la nuova commissione d'opera in prima esecuzione assoluta , “ Il Sordo – Sogno d'amore in una notte di San Silvestro ”, in scena  martedì 31 dicembre alle ore 18 . A firmare il libretto una penna d'eccezione: quella del celebre baritono  Leo Nucci.  La musica è composta da  Paolo Marcarini.

Nucci sarà anche in scena nel ruolo del Maestro Beethoven , affiancato da giovani cantanti: il soprano  Nunzia De Falco , il tenore  Ivan Defabiani  e il basso  Davide Procaccini,  con la direzione musicale di  Jacopo Brusa alla guida della Filarmonica dell'Opera Italiana Bruno Bartoletti  e del  Coro del Conservatorio Nicolini di Piacenza  preparato da  Giorgio Ubaldi . La regia è affidata a  Salvo Piro , le scene sono firmate da  Carlo Centolavigna  e i costumi da  Artemio Cabassi , l'affiatato  team  artistico che collabora regolarmente con Leo Nucci nell'ambito del Progetto Opera Laboratorio.

La nuova produzione della  Fondazione Teatri di Piacenza  viene proposta in occasione di San Silvestro, in tema con l'argomento del libretto, che è idealmente  ambientato a Vienna proprio nella notte del 31 dicembre. In scena il Maestro Ludwig Van Bethoven, “il sordo” a cui fa riferimento il titolo, e i suoi allievi Anna, Joseph e Karl.

Leo Nucci , a pochi giorni di distanza dalla regia de “La bohème” che ha aperto la Stagione Lirica del Municipale nell'ambito del Progetto Opera Laboratorio, si cimenta dunque per l'occasione nella scrittura di questa “commedia per musica in un atto   e anticipa di aver voluto rendere personale omaggio a un Beethoven lontano dai ritratti ufficiali e più umano, tormentato dalla sordità ma animato dalla continua ricerca e dall'infinito amore per la musica. Quella musica, per citare Beethoven, che “è una rivelazione più profonda di ogni saggezza e filosofia”, sempre in grado di donare al mondo gioia e pace, tanto più a San Silvestro, la notte nella quale tutti si augurano un futuro migliore.  Anche musicalmente, la nuova opera composta da  Paolo Marcarini  rende omaggio alla melodia e alla cantabilità del grande patrimonio lirico italiano, con l'accenno di alcuni celebri temi beethoveniani.

Un inno alla musica e all'amore, dunque, per questa nuova opera che a poche ore di distanza dall'inizio del 2020, aprirà l'anno consacrato a Ludwig van Beethoven.

Per informazioni e biglietti: biglietteria@teatripiacenza.itwww.teatripiacenza.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al 2019 con “Il Sordo – Sogno d'amore in una notte di San Silvestro”

IlPiacenza è in caricamento