Il treno verde di Legambiente fa tappa due giorni a Piacenza

A Piacenza doppia tappa del convoglio di Legambiente giovedì 10 e venerdì 11 marzo, mentre sabato 12 sarà a Modena. Tre giorni di iniziative e dibattiti, oltre alla mostra aperta al pubblico allestita nelle carrozze

10 e 11 marzo: il Treno Verde è a Piacenza

Arriva in Emilia Romagna il tour 2016 del Treno Verde, lo storico convoglio di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, che ha ripreso il suo viaggio per la Penisola per monitorare la qualità dell’aria e l’inquinamento acustico, ma anche per parlare di smart cities, ecoquartieri, mobilità nuova e stili di vita.

Il Treno Verde arriverà giovedì 10 marzo alla stazione centrale di Piacenza, dove resterà in sosta fino a venerdì 11 marzo. Sabato 12 marzo invece il Treno si trasferirà alla stazione centrale di Modena.

La mostra itinerante sarà aperta tutti i giorni dalle 8,30 alle 14.00 per le classi prenotate e dalle 16,00 alle 19,00 per il pubblico. L’ingresso è gratuito.

Dopo l’edizione speciale dello scorso anno dedicata all’agricoltura di qualità in occasione di Expo Milano, quest’anno il convoglio ambientalista tornerà ad occuparsi di inquinamento atmosferico e acustico attraverso un nuovo ed innovativo monitoraggio.

Scopo primario è fornire informazioni utili ai cittadini, ma anche promuovere tante buone pratiche a partire dalle città, sempre più esposte ai cambiamenti climatici e soffocate dallo smog.

Il Treno Verde darà spazio anche e soprattutto alle esperienze virtuose anti-smog messe in atto da quei comuni che hanno avuto il coraggio di scommettere sulla rigenerazione urbana, sull’efficienza energetica, sul verde urbano e sulla mobilità sostenibile.

Novità 2016 – In questo viaggio, il convoglio ambientalista si avvarrà di una nuova collaborazione, quella con VALORIZZA brand di Studio SMA e Gemmlab, e con il contributo scientifico La Sapienza e CNR, per realizzare un monitoraggio scientifico (rumore e inquinamento atmosferico) in postazioni fisse e itineranti.

Grazie ad una strumentazione portatile, in ogni città vengono misurati in continuo i valori di PM10, PM2,5 e PM1 e i livelli di inquinamento acustico. I dati saranno confrontati con i rilievi eseguiti tramite una centralina fissa che rileverà la qualità dell’aria - in base a diversi parametri - per tutta la durata della tappa.

Due sono gli obiettivi principali. Anzitutto scattare un’istantanea del quartiere preso in esame, mettendo in evidenza le differenze di esposizione all’inquinamento nei luoghi più frequentati del quotidiano e lungo i percorsi abituali necessari per gli spostamenti  (parchi urbani, aree perdonali, strade trafficate o percorsi casa-scuola). Secondo obiettivo è informare in tempo reale i cittadini attraverso la pubblicazione dei risultati del monitoraggio sul portale www.trenoverde.it, facilmente accessibile e consultabile.

Oltre al monitoraggio, cittadini e studenti potranno salire a bordo del Treno Verde per visitare la mostra didattica e interattiva allestita all’interno delle quattro carrozze, ognuno dedicata a un tema diverso, ma con un unico filo conduttore: quello delle buone esperienze che, in Italia e all’estero, hanno già raccolto la sfida della rigenerazione urbana, attraverso la partecipazione dei cittadini.

La prima carrozza è dedicata al mondo: qui il visitatore potrà leggere e scoprire i tanti planisferi interattivi installati sulle pareti del vagone, per capire insieme i fattori legati ai mutamenti climatici e le conseguenze del surriscaldamento globale. 

La “città” è, invece, il tema della mostra allestita nella seconda carrozza, incentrata sui centri urbani e in particolare sulle città che hanno raccolto la sfida della rigenerazione urbana e hanno puntato su energia pulita, mobilità dolce, edilizia sostenibile.

Dalle città agli ecoquartieri il passo è breve, per questo la terza e la quarta carrozza sono dedicate rispettivamente ai quartieri a basse emissioni e ad alta qualità di vita e ai condomini, dove i cittadini sono sempre più smart. In particolare, agli studenti sarà riservato uno speciale percorso didattico sui mutamenti climatici, realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il programma completo della doppia tappa in Emilia Romagna

PIACENZA

GIOVEDì 10 MARZO

Dalle 8:30 alle 13:00  - Mostra didattica sul treno: il mondo, la città, il quartiere, il condominio. Visite riservate alle scuole

Dalle 17:30 alle 19:00 - Aperiverde, aperitivo letterario Km 0\bio\vegan
Letture dal Libro “Partire col Verde” a cura degli “Amici di Emilio Politi”

Ore 21:00 presso Auditorium della Fondazione di Piacenza e Vigevano, via S.Eufemia 13
Pillole Verdi a Piacenza: cittadini in azione - Le buone pratiche dei cittadini a Piacenza tra Verde, Parchi, agricoltura urbana, Gruppi di acquisto, condomini intelligenti, pedibus e scuole  sostenibili.

 VENERDì 11 MARZO

Dalle 8:30 alle 13:00  - Mostra didattica sul treno: il mondo, la città, il quartiere, il condominio. Visite riservate alle scuole

Ore 11:00 - Conferenza stampa sui dati del monitoraggio sulla qualità dell'aria e rumore misurati a Piacenza

Dalle 17:30 alle 19:00 - Germogli Urbani, visioni per una nuova città: Tavola rotonda sulle nuove città intelligenti, tra efficienza energetica, rigenerazione , verde urbano e mobilità sostenibile e stop al consumo di suolo

Coordina l'incontro Giuseppe Castelnuovo (Legambiente Piacenza). Intervengono: Lorenzo Frattini (Presidente di Legambiente Emilia Romagna), Andrea Poggio (Direzione Nazionale Legambiente), Silvio Bisotti (Assessore alla Pianificazione Comune di Piacenza), Giorgio Cisini(Assessore all'Ambiente Comune di Piacenza), Arch.Felicita Forte, Arch.Lorenzo Spagnoli

 MODENA

SABATO 12 MARZO

Dalle 10:00 alle 13:00 - Da vertenza a proposta. Il ruolo dell’associazionismo nella formazione della cittadinanza attiva (Alessandra Filippi – Legambiente Circolo di Modena “Angelo Vassallo”)

Il percorso partecipativo del quartiere Sacca a Modena (Gianni Zetti – Comitato Quartiere Sacca)

La sperimentazione dal basso della mobilità nuova nel quartiere Sacca a Modena e nel Comune di Rio Saliceto (Giovanni Macchitelli – Ingegneria senza Frontiere di Modena)

Tavola rotonda
Paolo Gandolfi (Commissione Trasporti Camera dei Deputati), Gabriele Giacobazzi (Assessore ai Lavori pubblici, Patrimonio, Infrastrutture e Reti, Mobilità, Sicurezza del Territorio del Comune di Modena), Lucio Malavasi (Sindaco del Comune di Rio Saliceto). Modera: Alberto Fiorillo (Responsabile Aree Urbane Legambiente)

Dalle 15:30 alle 17:00 - Stop alle auto davanti alle scuole. Le proposte degli studenti delle scuole “G.Marconi” di Modena

Intervengono: Le ragazze e i ragazzi della  classe 3a O della Scuola media G. Marconi, Giulio Guerzoni (Assessore allo Sport, Politiche giovanili, Ambiente, Politiche energetiche e Servizi civili, Protezione civile e Volontariato)

verde1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento