Un successo il concerto dei grandi della musica per Amatrice

È una Piacenza con il cuore al centro, quella che ha riempito i posti a sedere del Palabanca per "Sosteniamo Amatrice"

È una Piacenza con il cuore al centro, quella che ieri sera ha riempito i posti a sedere del Palabanca per "Sosteniamo Amatrice". Come successo poco più di un fa, dopo l'alluvione che ha colpito la città e la Val Nure, il concerto benefico a favore di Anpas e organizzato "dai grandi della musica piacentina", ha centrato l'obiettivo. Sul palco dell'evento si sono alternati alcuni tra i migliori cantanti del panorama italiano, accompagnati dall'Orchestra Italiana Bagutti, partner importante durante l'organizzazione di tutta la serata. Grande sorpresa per un emozionato Nicola di Bari: raccontando il suo legame con Piacenza, ha ritrovato i contatti con un vecchio amico di cui aveva perso le traccie. I piacentini hanno partecipato con passione al concerto, cantando i classici della canzone italiana, applaudendo e alzando le mani a suon di musica. A rappresentare il movimento di Anpas è salito sul palco Paolo Rebeccchi, coordinatore di Anpas Provincia di Piacenza e Responsabile di Protezione Civile di Anpas Emilia-Romagna, sceso in prima persona in centro Italia nei giorni successivi al sisma. "È una grande emozione vedere per la seconda volta il Palabanca così gemito. Piacenza è una città solidale che da sempre aiuta chi è in difficoltà" afferma Rebecchi "Un grazie in particolare lo voglio fare, a nome di tutto il movimento, ai ragazzi che vedete in divisa arancione. Sono loro il motore che porta soccorso ogni giorno da quando il sisma ha colpito Amatrice e le zone limitrofe. La situazione che hanno trovato non è semplice ma loro non si fermano e fanno tutto ciò che è necessario per alleviare ogni disagio alla popolazione". Sono decine infatti i volontari Anpas intervenuti direttamente sul terremoto o per l'organizzazione dei volontari e dei turni che si alternano ogni settimana e della strumentazione. Un impegno a cui i volontari sono chiamati a rispondere dopo le scosse susseguitesi anche nei mesi di settembre e di ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento