menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Panini ritrovati in mostra alla Sala del Duca

Saranno esposte venerdì 28 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 nella Sala del Duca due vedute di Gian Paolo Panini. Omaggio a tutti i visitatori delle riproduzioni delle due vedute paniniane

Tra le dodici manifestazioni collaterali (una ogni giorno, sino al 6 gennaio compreso) annunciate dalla Banca di Piacenza in occasione della presentazione dell’apertura straordinaria della Salita al Pordenone nel periodo natalizio, è anche l’esposizione nella Sala del Duca in Santa Maria di Campagna di due vedute di Gian Paolo Panini.

Venerdì 28 dicembre, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, le due vedute - di cui aveva parlato Arisi ed ora ritrovate durante la ricerca di documentazione utile alla preparazione dell'evento Fine anno con l’amico da Pordenone - saranno esposte unitamente a preziosi Antifonari e Corali (ne parleranno domattina all’apertura Laura Bonfanti e Luigi Swich).

Si tratta di due disegni a seppia acquerellati, uno raffigurante Santa Maria di Campagna, l’altro la chiesa delle Benedettine, che furono probabilmente commissionati all’artista piacentino dal duca Francesco Farnese. I due disegni (misure identiche: 269x389 mm) sembrano ricavati dallo stesso foglio (la filigrana combacia).

La veduta di Santa Maria di Campagna è reale ma non fotografica. La chiesa è ripresa da due punti lontani tra loro almeno una ventina di metri: una veduta stereoscopica che permette di vedere il fianco destro in tutta la sua estensione. Mentre è d’invenzione il campanile, sono realmente esistenti il convento, sulla sinistra, la casetta e la croce, collocata nel 1712, sulla destra.

Poche le modifiche subite dal convento: non c’è più il protiro davanti all’immagine sacra. La casetta e la croce, documentate dal disegno riproducente la pianta della chiesa e delle adiacenze conservato in sacrestia, esistevano ancora alla metà dell’Ottocento. La facciata è adorna di una ricca decorazione barocca, ripresa da quella che vi aveva dipinto l’Alsona nel 1640. Da questo disegno fu derivato, attorno al 1830, un dipinto ora in collezione privata piacentina.

Nel disegno della chiesa delle Benedettine (farnesiana per eccellenza: sulla sommità, invece della croce, c’è infatti il giglio farnesiano) l’edificio sulla sinistra è d’invenzione (suggerito dal Palazzo Farnese) e così pure, almeno in parte, lo sono i due edifici sulla destra. La piazzetta esisteva realmente e la torre gotica sul fondo potrebbe essere quella della scomparsa chiesa di S. Ambrogio.

Tutto inventato, invece, il primo piano. L’accennata ipotesi che questi disegni siano stati commissionati al Panini da Francesco Farnese, è avvalorata dal fatto che i Farnese avevano già commissionato 20 prospettive di edifici farnesiani a Roma, da inserire nel tomo decimo de “I Cesari” curato da Padre Piovene. L’opera si interruppe, ma era previsto un undicesimo volume nel quale, probabilmente, dovevano essere illustrati gli edifici farnesiani di Piacenza. La Banca di Piacenza ha provveduto a far stampare le vedute

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lavoro domestico, 500 domande per sanatoria da Cgil e Cisl: «Stallo di mesi per iter rigido, a rimetterci sono le più fragili»

Attualità

La partenza del Giro entusiasma piazza Cavalli

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Vaccinazioni, partono il 13 maggio le prenotazioni per i 50-54enni

  • Cronaca

    Covid-19: nuovi 13 casi e un decesso nel Piacentino

  • Incidenti stradali

    Cadeo, schianto sulla via Emilia: tre feriti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento