Musica al Lavoro, "Il violino di Auschwitz"

In occasione della Giornata della Memoria, Arci e Cgil propongono lo spettacolo dell'Ensemble Barabàn IL VIOLINO DI AUSCHWITZ.

Giovedì 24 gennaio ore 21.30
MUSICA AL LAVORO
IL VIOLINO DI AUSCHWITZ
Salone "N. Mandela" via XXIV maggio 18 - Piacenza
Ingresso libero e gratuito

Anche ad Auschwitz, Terezìn e Mauthausen si suonava, si cantava e si componeva musica. Di fronte alla sola prospettiva della morte i musicisti ebrei non rinunciavano alla loro passione, arrivando ad allestire orchestre, come ad Auschwitz, scrivendo note nelle condizioni più disperate, componendo ninna nanne da cantare ai bimbi ormai sulla porta della camera a gas, come la straordinaria Wiegala scritta da Ilse Weber morta, insieme al figlio Tommy, nell'ottobre 44 ad Auschwitz.

Nei lager nazisti la musica ebbe un ruolo di esaltazione dell'orrore e annientamento della dignità umana. Era continuamente suonata scandendo i ritmi dei prigionieri durante le marce verso i campi di lavoro, nelle adunate come durante le esecuzioni e per l'intrattenimento degli ufficiali. Eppure, per i detenuti fare musica significava ritrovare la dignità violata e, in molti casi, sopravvivere.

Ed è soprattutto grazie alla memoria dei sopravvissuti e dei testimoni che ci sono giunte molte di queste musiche, di queste storie.

Coerente con il proprio percorso musicale e di impegno civile, Barabàn ha allestito uno spettacolo di musiche, canzoni e immagini dedicato alla shoàh. Il concerto si snoda attraverso un'emozionante sequenza di canti come Wiegala, Asma Asmaton (tratto dalla celebre Trilogia di Mauthausen scritta dal poeta e drammaturgo greco Iakovos Kambanellis e musicata da Mikis Theodorakis), brani del moderno repertorio basato sull'antica tradizione ebraica, musiche per i matrimoni e danze della tradizione yiddish, canzoni contro la guerra (da La guerra di Piero di De André ad Auschwitz di Guccini), e contro l'indifferenza e l'apatia (da Dona Dona, di Herbert Pagani a Yellow triangle, di Christy Moore).

Le musiche sono accompagnata da video con la testimonianza di ex deportati, spezzoni di film, immagini della discriminazione degli ebrei, dei lager nazisti.

Ensemble Barabàn (www.baraban.it)

Vincenzo Caglioti: organetti diatonici, bandoneon, cori

Aurelio Citelli: voce solista, tastiere, bouzouky, ghironda

Giuliano Grasso: violino, ocarina, cori

Paolo Ronzio: cornamuse, chitarra, bouzouky, autoharp, ocarina, jaleika, voce

Maddalena Soler: voce solista, violino

Diego Ronzio: clarinetto, tastiere

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Accolgo perchè ne vale la pena", corso di formazione del Progetto Confido

    • Gratis
    • dal 12 gennaio al 8 aprile 2021
    • Online
  • Otto incontri online per imparare a leggere, ma con il cuore

    • dal 12 gennaio al 9 marzo 2021
    • Onlne su Meet
  • Caffè Gioia, online ​"Il diritto di essere se stessi. Diritto e diritti di genere"

    • Gratis
    • 12 marzo 2021
    • Caffè Gioia
  • Gossolengo, "Semplicemente donna"

    • solo domani
    • Gratis
    • 7 marzo 2021
    • streaming sulla pagina Faxebook del Comune di Gssolengo
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento