menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vittorio Sgarbi inaugura a Palazzo Galli la mostra permanente di Ghittoni

Al via in diretta streaming il primo degli eventi collaterali all’ostensione dell’Ecce Homo. Venerdì 27 novembre Sgarbi inaugura a Palazzo Galli la mostra permanente con le opere di Francesco Ghittoni

Venerdì 27 novembre alle ore 18 a Palazzo Galli, la Banca di Piacenza inaugura - con l’intervento di Vittorio Sgarbi - la mostra permanente, allestita in Sala Fioruzzi, con le opere di Francesco Ghittoni - una trentina - che hanno di recente arricchito la collezione d’arte della Banca, con importanti opere spesso ispirate a paesaggi della nostra provincia o ritratti di piacentini.

Si tratta del primo dei 20 eventi collaterali all’Ostensione dell’Ecce Homo di Antonello da Messina (di proprietà dell’Opera Pia Alberoni) a Palazzo Galli (29 novembre - 8 dicembre, con inaugurazione il 28 novembre), manifestazioni che si terranno tutte in diretta streaming, nel rispetto delle persone dei settori sia privato che pubblico impegnate a vincere la sfida dell’emergenza sanitaria del virus Corona.

L’artista piacentino - considerato un maestro della pittura italiana dell’Ottocento - è stato riscoperto a livello nazionale grazie alla grande mostra a lui dedicata a Palazzo Galli dall’Istituto di credito locale nel 2016 e curata proprio da Sgarbi, che con i suoi giudizi sul pittore ha contribuito in modo determinante ad attribuirgli la statura che meritava. Molte delle opere ora entrate nella collezione della Banca, furono esposte in quell’occasione. La raccolta dei Ghittoni consta di 32 dipinti (ritratti, paesaggi, scene di genere) e 1 disegno preparatorio e si riferisce alla produzione degli anni che vanno dal 1880 al 1895 circa, ritenuto da Ferdinando Arisi il periodo di più libera ispirazione dell’artista.

Chi ha raccolto e conservato amorevolmente queste opere è Andrea Tinelli, collezionista d’arte che ha scoperto l’artista piacentino grazie al compianto prof. Arisi. Tra i quadri più significativi, “La culla”, del 1882, molto curato e con la cornice in oro zecchino; “Vecchio che mangia la zuppa”, un olio su tela che ritrae un mendicante intento a far colazione all’angolo tra via Mandelli e via San Marco, seduto su una panchina che ora non c’è più; un “Ritratto di signora” del 1884; un “Autoritratto” e il bozzetto di “Doloroso addio”, l’opera più nota e accreditata del pittore piacentino posseduta - fra altre di Ghittoni - proprio dalla Banca di Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento