Arriva la didattica a distanza per gli studenti senza consumare giga

Tim, Vodafone e Wind Tre accolgono lʼinvito del governo ed escludono le piattaforme di Dad dal consumo previsto negli abbonamenti

Con la didattica a distanza non si consumeranno più gigabyte. Gli studenti potranno seguire le lezioni da remoto senza consumare il traffico dati degli abbonamenti ai cellulari: la decisione arriva da Tim, Vodafone e Wind Tre, che hanno accolto l'invito del governo, decidendo di escludere le piattaforme di didattica a distanza dal consumo di gigabyte previsto negli abbonamenti. La proposta agli operatori telefonici è arrivata dal ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, il ministro per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e il ministro per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Paola Pisano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori università del mondo del 2020

  • Arriva la didattica a distanza per gli studenti senza consumare giga

  • Google sfida le università e lancia i corsi di laurea in 6 mesi

  • Conoscenza dell'inglese, l'Italia migliora ma è lontanissima dal podio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento