Dal 2020 arriva il bonus Tari: chi ne ha diritto e come funziona lo sconto sulla bolletta dei rifiuti

Il decreto fiscale 2020 introduce anche un bonus sulla spesa per la gestione dei rifiuti, oltre ai già esistenti bonus luce, idrico e gas. Ecco le famiglie che ne possono beneficiare e come fare

Arriva uno sconto sulla Tari per le famiglie in difficoltà, sulla scia di quanto avviene già oggi con il bonus acqua, luce e gas. 

Secondo l’articolo 57 bis del decreto fiscale 2020, infatti, sono previste a partire da quest’anno condizioni tariffarie agevolate per la fornitura del servizio di gestione integrato dei rifiuti urbani. La novità, spiega il Sole 24 Ore, è stata confermata nella legge di conversione, ma sarà l’ARERA (Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente) a stabilire le modalità attuative del bonus.

«Gli utenti beneficiari - si legge nel testo di legge - sono individuati in analogia ai criteri utilizzati per i bonus sociali relativi all'energia elettrica, al gas e al servizio idrico integrato». E ancora: «L'Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente definisce, con propri provvedimenti, le modalità attuative, tenuto conto del principio del recupero dei costi efficienti di esercizio e di investimento», nonché "«ulla base dei principi e dei criteri individuati» da un decreto del presidente del consiglio che verrà definito nei prossimi mesi.

Chi ha diritto al bonus

Salvo sorprese, le condizioni per usufruire dello sconto saranno le stesse che regolamentano il bonus idrico, luce e gas. Dal 1° gennaio 2020 la soglia Isee è stata alzata da 8.107,5 a 8.256 euro, arrivando ad includere 200mila nuclei familiari in più rispetto all’anno precedente. Per le famiglie numerose, con almeno 4 figli, la soglia Isee è di 20mila euro. Si ha la sconto in bolletta anche nei casi in cui una grave malattia costringa all'utilizzo di apparecchiature mediche alimentate con l'energia elettrica (elettromedicali) indispensabili per il mantenimento in vita.

L'altra grande novità è che dal 1° gennaio 2020 anche i percettori del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza possono usufruire di questa agevolazione.

Bonus acqua, luce e gas: quanto vale lo sconto

Il valore del bonus può dipendere sia dal numero dei componenti del nucleo familiare, che da altre variabili. Per quanto riguarda il bonus elettrico una famiglia composta da 1 o 2 componenti può risparmiare fino a 125 euro all’anno.

Il bonus idrico consente di ottenere uno sconto in bolletta pari al costo di 18,25 mc annui (equivalenti a 50 litri/abitante/giorno, cioè il quantitativo minimo stabilito per legge per il soddisfacimento dei bisogni personali) per ciascun componente il nucleo familiare.

Non è chiaro invece quale sarà l’importo del bonus Tari, le cui modalità di attuazione devono essere ancora definite.

Sconto su acqua, luce e gas: come chiedere il bonus

La richiesta per ottenere il bonus acqua, luce e gas va presentata al proprio comune di residenza (o ai Caf delegati dal Comune). Lo sconto verrà erogato direttamente in bolletta per chi ha un contratto diretto, mentre l'utente indiretto, cioè la famiglia che vive in un condominio e non ha un contratto proprio di fornitura, riceverà il Bonus sociale in un'unica soluzione. Dal 2021 per gli aventi diritto il riconoscimento del bonus sarà automatico senza più necessità di farne richiesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • «Su Tik Tok combatto il bullismo: la vita è più importante di chi ci odia perché diversi»

  • Cani venduti con falsi certificati sanitari, coppia a processo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento