Legge 104: chi può richiederla e come fare domanda

La Legge 104 è il principale riferimento normativo per i lavoratori con invalidità riconosciuta. Scopriamo insieme a chi è rivolta e come farne domanda

La legge 104 del 1992, spesso definita semplicemente “104”, è il principale riferimento normativo per i lavoratori con invalidità riconosciuta. Grazie a questa legge i parenti di persone con handicap - o gli stessi lavoratori se affetti da disabilità grave - possono ottenere delle agevolazioni.

Chi è incluso nella legge

La legge 104 include le seguenti persone:

- disabili con contratto di lavoro dipendente, inclusi quelli modalità part-time;

- genitori biologici, adottivi o affidatari di figli disabili, anche non conviventi;

- coniugi lavoratori dipendenti di soggetti affetti da disabilità grave;

- lavoratori dipendenti parenti di individui disabili (entro il secondo grado di parentela);

- parenti o affini entro il terzo grado di parentela, lavoratori dipendenti (zii, nipoti, bisnonni e bisnipoti nel caso in cui il genitori o coniuge del disabile siano ultra sessantacinquenni e in caso di mancanza, decesso o patologie invalidanti dei suddetti);

Con la circolare n. 38 del 2017, l'Inps ha esteso la possibilità di accedere ai permessi previsti dalla Legge 104 anche a conviventi di fatto e coppie unite civilmente, che rispettino le caratteristiche di cui sopra.

Come accedere ai benefici

Per accedere ai benefici previsti dalla Legge 104 è necessario inviare per via telematica un'autocertificazione in grado di accertare la condizione di disabilità del richiedente attraverso la sezione “Prestazioni a sostegno del reddito: accesso al portale delle domande” presente sul sito dell'Inps.
Se necessario, l'accertamento delle condizioni di difficoltà avviene, anche con revisioni periodiche, attraverso uno o più esami effettuati da una commissione medica nella sede Inps più vicina.

Le agevolazioni previste

Una delle agevolazioni più importanti previsti dalla 104 sono i permessi retribuiti per l’assistenza, concessi ai parenti di persone con disabilità accertata oppure ai disabili stessi. L'articolo prevede:

- Permessi orari retribuiti giornalieri di 1 o 2 ore, a seconda del contratto di lavoro;

- 3 giorni di permesso mensili, anche frazionabile in ore;

- Prolungamento del congedo parentale con diritto al 30% della retribuzione, per un massimo di 3 anni, da godere entro il compimento del 12esimo anno del bambino.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Gatto nero: storia della superstizione (e perché invece porta fortuna!)

  • Downburst: un fenomeno pericoloso e sempre più frequente

  • Guida al bonus bebè, mille euro alle famiglie che hanno avuto un figlio nel 2019

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Monticelli, la vittima è un padre di famiglia

  • Si schianta contro la ruota di un trattore, muore motociclista

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Incidente in autostrada, auto decolla e finisce a cavallo del new-jersey di cemento

  • Europei di Motonautica, incidente per il campione Alex Cremona: è grave

  • Si dà alla fuga dopo lo schianto, rintracciato dai carabinieri: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento