Termometro da cucina, come scegliere il modello migliore?

Il termometro professionale ad uso alimentare è indispensabile in cucina per testare con precisione e comodità la temperatura interna degli alimenti. Ecco i fattori da tenere in considerazione per scegliere il modello migliore

Siete dei veri appassionati di cucina e spesso vi divertite a cucinare piatti particolari e deliziosi per amici e parenti? Ci sono allora alcuni strumenti professionali che non possono mancare nella vostra casa, tra questi i termometri da cucina, utensili di precisione per controllare la temperatura di cottura delle varie pietanze. Il termometro professionale ad uso alimentare è indispensabile in cucina per testare con precisione e comodità la temperatura interna degli alimenti, che siano questi solidi o liquidi. Conoscere la temperatura interna degli alimenti per alcuni piatti è essenziale, ciò consente di portare in tavola e servire pietanze valorizzate per come si deve, perché cotte al punto giusto.

Come scegliere il termometro da cucina?

Indispensabile per la preparazione di determinate ricette, per scegliere un termometro da cucina ottimale non è necessario optare per un modello esageratamente costoso. Scegliere un buon termometro professionale è semplice, basta tenere in considerazione alcune caratteristiche fondamentali come:

- il modello;

- il range di temperatura misurabile;

- il materiale.

Materiali e pulizia

I termometri a inserimento, e in generale quelli analogici, sono tutti in acciaio inox 18/10. Questi sono resistenti, duraturi e possono essere igienizzati senza problemi. I termometri digitali, invece, hanno la sonda in acciaio inox 18/10, che entra a contatto con gli alimenti, ma hanno anche una parte del corpo realizzata in ABS con schermo LCD dov'è indicata la temperatura e la batteria. In questo caso, per la loro pulizia si consiglia l'utilizzo di un panno umido.

Come scegliere il modello giusto?

Come avrete già intuito, esistono diverse tipologie di termometri da cucina: a inserimento, a infrarossi, analogico con sonda e digitale con sonda.

Il termometro a inserimento è estremamente intuitivo e semplice da usare. È caratterizzato da una sonda che va introdotta all’interno delle pietanze e da un display per il riscontro della temperatura rilevata.

Per quanto riguarda i termometri digitali con sonda, quest'ultima può avere diverse dimensioni, è regolabile ed è collegata ad uno schermo digitale in cui viene segnalata la temperatura. I termometri da cucina con sonda sono, senza dubbio, i più versatili perché possono essere utilizzati sia per le cotture da forno che per quelle di altro tipo. Sono indicati, ad esempio, sia per verificare la cottura della carne che la temperatura dell'olio per la frittura.

Il termometro a infrarossi, a differenza dei precedenti, non ha bisogno di nessuna sonda visto che non deve entrare in contatto con gli alimenti, esso ha un dispaly dove viene riportata la temperatura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

  • Intrappolata nel locale del bancomat, 70enne salvata da Ivri e carabinieri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento