Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando la bonifica unisce l'Italia: il Covid non ferma prevenzione e sicurezza

Come sono andati i primi sei mesi di questo 2020 per il Consorzio di Bonifica di Piacenza? Ce lo racconta in questa intervista il Presidente del Consorzio Fausto Zermani

 

2.600 km canali, 2 dighe, 5 impianti idrovori, 2 impianti di sollevamento dal fiume Po per l’irrigazione, 1 cassa di espansione, 51 acquedotti rurali e oltre 125 km di strade di bonifica. Tutto questo è il Consorzio di Bonifica di Piacenza, ente pubblico che ha a cuore la difesa del territorio attraverso la salvaguardia e tutela del sottosuolo e delle sue acque.

Anche il Consorzio ha dovuto fare i conti con la pandemia che ha colpito il Paese, senza però fermarsi e riuscendo a rimanere sempre a contatto con il tessuto economico piacentino, in un momento davvero complicato come questo. "Non si sono fermate le opere di salvaguardia e di tutela e il lavoro è stato fatto anche in questo caso nel rispetto della sicurezza" - afferma Fausto Zermani, Presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza. Eccole le sue parole in questa video intervista...

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento