«Abbiamo concesso i portici del Gotico con la tariffa, ma gli ambulanti hanno rifiutato la proposta»

L’Amministrazione comunale dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha dato ragione all’ente: «Prima hanno accolto la proposta di andare sotto i portici, poi hanno rifiutato»

Con riferimento alle dichiarazioni odierne sulla stampa locale, nelle quali si riporta che gli ambulanti della soppressa fiera natalizia di piazza Cavalli hanno rinunciato a collocarsi sotto i portici del Gotico, l’Amministrazione comunale precisa quanto segue. «Il loro ricorso, chiarisce l’Amministrazione, è stato inequivocabilmente respinto dal Consiglio di Stato con un provvedimento che richiama tutte le “soluzioni allocative alternative” formulate dal Comune, che ancora una volta era aperto a tutte e tre le soluzioni proposte e gli organismi competenti, in ogni grado di giudizio si sono sempre espressi a favore delle motivazioni e dell’operato dell’Amministrazione. Nel pomeriggio di ieri, però, gli ambulanti hanno fatto sapere di accettare la collocazione sotto i portici del Gotico. Gli uffici hanno riaperto e hanno alacremente lavorato al provvedimento necessario sino alle 20 di venerdì 21 dicembre, con c0stanti contatti tra amministratori e avvocati, sia tramite fax che via email e con posta elettronica certificata. I portici del Gotico sono stati concessi alle ordinarie condizioni, che prevedono il pagamento della tariffa del suolo pubblico agevolata per le manifestazioni natalizie e autonomia nell’impianto elettrico. Tuttavia i destinatari hanno liberamente scelto di rifiutare tale proposta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento