Acer, Cugini (Pd): «Decuplicate le spese del presidente Losi rispetto al predecessore»

Il capogruppo del Pd contesta ancora le spese del presidente di Acer Patrizio Losi: «Più 1193% di aumento delle spese per le trasferte. Il Sindaco e la Giunta devono invitare il Cd’A a trattare le risorse pubbliche con più oculatezza»

Stefano Cugini (Pd). Sotto, Patrizio Losi

Il gruppo consiliare del Partito Democratico parte dei numeri: 1193% di aumento delle spese di trasferta rispetto all’anno precedente. Spese complessive decuplicate rispetto al predecessore. Non è un mistero che l’attività del presidente di “Acer” – la società pubblica che si occupa dell’edilizia popolare - Patrizio Losi sia da tempo oggetto di osservazioni da parte dei dem in Consiglio comunale. Il Pd ha infatti presentato una mozione al sindaco e alla Giunta sui suoi comportamenti e il documento è stato firmato e condiviso anche da "Liberi", "Piacenza Oltre", Gruppo Misto, Movimento 5 Stelle e Piacenza in Comune. «Assai curiosa la passione del presidente Losi – spiega il Patrizio Losi-2capogruppo Stefano Cugini - per la guida, dato che preferisce costantemente l'auto al treno quando a pagare sono i cittadini. Carburante, pedaggi, parcheggi: tutto a carico del contribuente. Che il personaggio sia eclettico è cosa nota. Che io non lo abbia mai ritenuto adatto al ruolo, pure. Patrizio Losi è una fucina di spunti per atti ispettivi, dal momento che, come si direbbe di un bambino discolo, “una ne pensa, cento ne fa”. Così, dopo la tentata riduzione degli orari di sportello, il mancato taglio alla sua indennità (in barba alla delibera dei sindaci), le spese per i nuovi arredi e il quasi raddoppio dello stipendio all’addetto stampa, ecco che nemmeno la morosità da affitti non riscossi salita con lui a 4 milioni e 200mila euro è servita a frenare la sua allegra gestione delle trasferte, per le quali sceglie quasi sempre l’auto al posto del più economico treno, tanto da aver decuplicato la spesa rispetto al precedente presidente, Massimo Savi. Sia chiaro: il CdA ha approvato tutte queste uscite. Ma io pongo il tema dell’opportunità, della “diligenza del buon padre di famiglia”. Siccome non la ravviso, dal momento che la metà dei costi potevano essere risparmiati e considerato un + 1.193% di spese, ci è sembrato necessario e irrimandabile presentare la mozione». Nella mozione presentata dal Pd si segnala inoltre che il predecessore Massimo Savi costava alla società pubblica una media 1,21 euro al giorno, contro i 19,80 euro di Losi. «Ci sono forte perplessità sulle effettive ricadute benefiche di tutte queste trasferte per i contribuenti piacentini». Si chiede perciò al Sindaco Barbieri e alla Giunta di «evitare, d’ora in avanti, in bandi per il rinnovo di collaborazioni esterne, specie se utili ma non strategiche, la messa a disposizione di risorse con percentuali di aumento a due cifre». Si richiede inoltre di suggerire al Cd’A di «trattare le risorse dei contribuenti con maggiore oculatezza, ricorrendo al supporto della tecnologia – laddove possibile – per sopperire con conference call a distanza o altre forme di aggiornamento gli incontri non prettamente strategici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento