Adozione variante Piae: arriva il sì del Consiglio provinciale

Trespidi: «Un punto di incontro tra sviluppo e sostenibilità». L'assessore Barbieri: «E' un piano innovativo. Grazie a maggioranza e minoranza per aver riconosciuto il lavoro svolto»

La Variante generale al Piano Infraregionale per le Attività estrattive è stata adottata nel pomeriggio del 26 marzo dal Consiglio provinciale con 16 voti favorevoli, cinque astensioni e un voto contrario. «La variante – ha detto il presidente della Provincia Massimo Trespidi – è assolutamente indispensabile per il nostro territorio: si tratta di una mediazione tra sostenibilità ambientale e sviluppo del territorio costruita con assoluta trasparenza e massima chiarezza. Ricordo che è volontà politica dell'Amministrazione provinciale che presiedo arrivare all'approvazione del Piae (Piano infraregionale per le Attività estrattive) entro il 2012. Il grande lavoro della Giunta e la partecipazione della maggioranza e della minoranza dimostrano la volontà comune di portare a termine un provvedimento importante per l'intero territorio».

«Si tratta – ha commentato l'assessore provinciale alla Programmazione Patrizia Barbieri – di un piano innovativo, in grado di coniugare sviluppo e sostenibilità. Penso che il risultato ottenuto sia in grado di dare una risposta di sviluppo economico territoriale basato, come si diceva, sulla sostenibilità ambientale. Ringrazio i consiglieri di maggioranza e di minoranza, che, tramite il voto di oggi hanno riconosciuto il lavoro svolto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insieme alla variante sono stati approvati 4 emendamenti presentati dal gruppo consiliare della Lega Nord (complessivamente i consiglieri del Carroccio avevano presentato 14 emendamenti, dieci dei quali, dopo il parere tecnico negativo da parte degli uffici della Provincia , sono stati ritirati), un emendamento presentato dal consigliere del Pdl Antonino Coppolino e un Ordine del giorno (votato all'unanimità e firmato dai gruppi di minoranza e dal Pdl) che impegna la Giunta ad un rigoroso monitoraggio delle azioni di rinaturalizzazione e compensazione ambientale delle cave già ultimate e dei Piani di riqualificazione e sviluppo dei cantieri di lavorazione degli inerti (con l'obiettivo di ridurne l'impatto sugli ambienti fluviali consentendo corridoi ecologici congrui) e a prevedere entro tempi certi l'approvazione delle linee guida della rete ecologica provinciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento