Alloggi popolari, in arrivo i controlli dell’agente accertatore

Passa in Giunta il regolamento d'uso degli alloggi popolari Erp. Tra le norme che regolamentano i rapporti tra Comune di Piacenza, Acer e inquilini, viene così introdotta la figura dell'agente accertatore

un alloggio Acer

Passa in Giunta il regolamento d’uso degli alloggi popolari Erp. Tra le norme che regolamentano i rapporti tra Comune di Piacenza, Acer e inquilini, viene così introdotta la figura dell’agente accertatore. L’articolo 34 bis introduce questo nuovo ruolo: si tratta di un dipendente del Comune di Piacenza che potrà effettuare ispezioni e controlli negli alloggi di edilizia popolare, per verificare il rispetto delle regole. Il regolamento verrà poi sottoposto all’esame della commissione e del consiglio comunale nelle prossime settimane. «Nel testo – spiega l’assessore al welfare Stefano Cugini – vengono precisati una serie di cinque livelli di gravità delle infrazioni registrate dagli inquilini. I livelli vanno da “gravissimo” a “lieve”. Per ogni tipo di infrazione vi saranno sanzioni pecuniarie di diversa entità: ad esempio quando si commette un'irregolarità gravissima la sanzione va dai 700 a 1400 euro». Ma gli inquilini, oltre alla multa, rischiano anche di perdere la casa, qualora venisse accertato un mancato rispetto delle norme. «Basta ottenere dall’agente accertatore un “gravissimo” e la locazione decade immediatamente. La stessa cosa di fronte a una seconda infrazione “grave”. Anche cinque infrazioni “lievi” fanno perdere il diritto alla casa». Rimane da capire chi coprirà questo incarico di “agente accertatore”. «Probabilmente – conclude Cugini – l’incarico sarà affidato ad agenti della nostra Polizia Municipale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento