Case popolari, ritoccati i punteggi per premiare la residenza da più anni in città

L’assessore Sgorbati e la maggioranza: «Prima i piacentini, fatto il possibile per premiarli». Graduatorie chiuse e più attenzione alla residenza (e anche agli ascendenti). L’opposizione: «Solo uno slogan, non cambia nulla, gli stranieri entrano lo stesso». Cugini (Pd): «Un grande bluff»

Gli alloggi popolari di Acer di via Capra

«Nel nostro programma elettorale abbiamo detto “prima i piacentini”, indicando così la volontà di premiare chi ha “costruito” questa città. Chi è residente storico acquisisce da ora maggiori punteggi nella graduatoria, più punti a scalare in base agli anni di residenza. Ci siamo mossi su questo orientamento, stando nella cornice della legge regionale». Così l’assessore ai servizi sociali Federica Sgorbati ha motivato le modifiche al regolamento per l’assegnazione degli alloggi popolari di Piacenza. Diverse le correzioni al testo, ma quelle più sostanziali riguardano un cambiamento dei punteggi sulla residenzialità di chi effettua la domanda. Il regolamento è passato nelle commissioni 1 e 3 con il voto compatto di tutta la maggioranza (per la prima volta Gloria Zanardi si è seduta tra i banchi di Fratelli d’Italia) e la non partecipazione di tutte le forze di minoranza. Verrà così portata in Consiglio una degli atti a cui la maggioranza, in particolare il Carroccio, tiene di più. «Si accusa l’Amministrazione di non avere riguardo nei confronti dei piacentini più fragili – è stata la Federica Sgorbati-5puntualizzazione di partenza dell’assessore Sgorbati - e di non pensare a dare un tetto sopra la testa di tutti. Non voglio fare “bracci di ferro”, solo dare qualche numero. Il 15 dicembre è uscita la graduatoria Erp e da allora sono state fatte 80 assegnazioni di alloggi. Poi il 13 gennaio un’altra, poi il Bando affitto, poi la delibera per 25 alloggi d’emergenza a dicembre per il freddo. Abbiamo riconvocato 40 nuclei e proceduto ad altre 14 ulteriori assegnazioni. L’ufficio abitazioni da dicembre a oggi si è molto impegnato».

LE MODIFICHE APPROVATE IN COMMISSIONE

Innanzitutto la graduatoria da “aperta” diventa “chiusa”: il primo febbraio e il primo agosto le date “X”. Si raccolgono le domande raccolte nei mesi precedenti (nel primo caso dal 1 settembre al 1 novembre; nel secondo caso dal 1 marzo al 2 maggio) e si procede al calcolo per poi assegnare. Poi occorre ripresentare la domanda anche per il turno successivo, se non si è stati oggetto di assegnazione. È stato modificato il primo scaglione del valore di Isee, quello per le famiglie più indigenti: era da 0 a 5mila euro, ora arriva fino a 7500 euro, la fascia è così stata aumentata di 2500 euro. A queste famiglie un punteggio di partenza di 35 punti. Per presentare domanda prima serviva la residenza in città da almeno tre anni, ora da cinque. Da cinque a dieci anni si prendono 5 punti, da dieci a quindici anni 15 punti, oltre i vent’anni 20 punti. Premiato con altri 10 punti chi dimostra la residenza continuativa della famiglia d’origine – gli ascendenti di primo grado, i genitori –. Poi, qua e là, alcuni ritocchi che esulano dal discorso della residenza: più punti agli anziani, ai disabili in carrozzina. Ed è stato eliminato il punteggio per i figli maggiorenni a carico che non studiano o che superano i 27 anni. E dieci punti per i genitori separati.

LE CRITICHE DELLE MINORANZA: «NON CAMBIA MOLTO»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stefano Cugini (capogruppo Pd) ha chiesto all’assessore il motivo delle graduatorie chiuse. «Nella graduatoria aperta – ha replicato Stefano Cugini-17l’assessore Sgorbati - succedeva che le domande rimanevano lì e si trascinavano nel tempo con punteggi basse. Così ora si risponde meglio alle emergenze abitative e si evita il trascinamento di domande che sono lontane dalla possibilità di ottenere l’alloggio. Nulla vieta ai cittadini di ripresentare domanda se le proprie condizioni consentono di ottenere un punteggio migliore». Il consigliere dem ha fatto però notare che ogni presentazione di domanda costa 16 euro. Diverse invece le contestazioni formali di Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) al regolamento, che va migliorato. Ma sono anche altre le critiche arrivate al regolamento, più politiche. «Non c’è alcun “prima i piacentini” – ha aggiunto Cugini -, con questo regolamento gli stranieri saranno premiati lo stesso, almeno quelli che hanno la residenza da anni. Stavolta, anzi, mettete dentro più stranieri negli alloggi che in passato. State cercando di far passare solo il vostro slogan». «Da bambino giocavo nei campi di Villa Grilli e di altri palazzoni popolari – è il ricordo personale di Andrea Pugni (Movimento 5 Stelle) - Erano amici che non avevano cognomi piacentini, eppure sono cresciuti e hanno lasciato quegli alloggi dopo qualche anno». «Il “prima i piacentini” è un derivato del “prima gli italiani” – è la riflessione di Sergio Dagnino (Movimento 5 Stelle) - e questo è il primo atto dell’Amministrazione concreto che va in questa direzione». «“Prima i piacentini” è diverso da “Prima gli italiani” – ha preso la parola Mauro Monti (Liberi) - non ha senso da un punto di vista logico, non si premia la piacentinità così. È un equivoco, un cortocircuito che rende stucchevole le rivendicazioni politiche della maggioranza».

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento