menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Anche i Giovani Democratici di Piacenza onorano le vittime dei genocidi passati»

Il gruppo aderisce alla raccolta firme che ha offerto la possibilità di portare in Parlamento una proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda nazi-fascista. La testimonianza del giovane piacentino Davide Tacchini

Mercoledì 31 marzo è terminata la raccolta firme che ha offerto la possibilità di portare in Parlamento una proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda nazi-fascista. L’idea è nata dal Sindaco del comune di Stazzema, città martire in provincia di Lucca, dove, nell’agosto del 1944, ebbe luogo uno degli eccidi più efferati del nostro Paese, che portò all’ingiusta morte di 560 civili.

Non poteva dunque esistere una culla di nascita più indicata per la nuova proposta di legge, per la quale numerosi cittadini italiani hanno continuato a sostenere nonostante la pandemia in corso. Emblematica rappresentazione della volontà di cambiamento e di senso del dovere dimostrato da più di 50mila cittadini italiani, ai quali si sono aggiunti i Giovani Democratici di Piacenza, che hanno deciso di onorare anche con questo gesto le vittime dei genocidi passati. 

È proprio nel nome di questi valori, della possibilità e del dovere che ha ogni cittadino di non dimenticare che anche Davide Tacchini, membro dei GD Piacenza, studente piacentino, in occasione del giorno del suo diciottesimo compleanno, proprio il 31 marzo 2021, ultimo giorno disponibile per la raccolta firme, ha potuto aderire a questa proposta di legge d'iniziativa popolare.

«Il 31 marzo 2021 ha rappresentato per la mia vita una svolta importante e decisiva: è stato il giorno in cui ho compiuto 18 anni. Avrei potuto fare tante scelte su come spendere questa giornata, ma ho ritenuto e ritengo che non ci potesse essere festeggiamento migliore se non quello di far sentire la mia voce più chiara e più forte che mai. Sono orgoglioso di aver potuto, finalmente, aggiungere il mio nome al lunghissimo elenco di persone che hanno detto Sì nel riconoscere gli errori del passato e NO a qualsiasi forma di totalitarismo e regime. Sento di non essere solo, fortunatamente, a combattere - continua Tacchini - per una società democratica, che sappia credere nel dialogo e nella libertà di ciascuno. infatti, in un Paese dove ancora assistiamo a volte a nostalgie verso i totalitarismi del passato, ho avuto la possibilità di entrare a far parte dei Giovani Democratici che condividono i miei stessi valori, con la speranza che questa mia sete di cambiamento non si esaurisca oggi, ma possa accompagnarmi per sempre. invito tutti voi perciò a rimettere in dubbio i vostri valori e le vostre convinzioni, a ritornare diciottenni ancora per un po’ e chiedervi se forse non sia il caso di "cambiare aria", a domandarvi se sia giusto proteggere l’odio oppure correre per la libertà».

«Ringrazio Davide per questa dimostrazione di cittadinanza attiva e tutti i ragazzi e le ragazze dei Giovani Democratici che anche in questa occasione hanno dimostrato di impegnarsi in favore di un futuro privo di discriminazioni non più tollerabili»  afferma Andrea Capellini, Segretario Gd Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento