«Anche in passato carri satirici sui temi politici "caldi", non era una festa leghista»

Fa ancora discutere la “gag” Salvini-Carola Rackete andata in scena alla Festa della Bortellina con i parlamentari Murelli e Pisani. Il consigliere di Bettola Corbellini: «La satira c’è sempre stata, ma a nessuno era mai venuto in mente di sfruttare questa tradizione per farne un fatto politico»

La gag dell'arresto con Pisani e Murelli

La “gag” dell’arresto di Carola Rackete con il finto Matteo Salvini alla Festa della Bortellina di Bettola ha fatto il giro d’Italia. Le foto e il video, diffusi dalla deputata della Lega Elena Murelli su Facebook (insieme al senatore del Carroccio Pietro Pisani, almeno loro due erano “veri”), dell’arresto, ha fatto molto discutere. Il nome di Bettola è così rimbalzato sui media nazionali: nell’immaginario collettivo rimane pur sempre il paese natale di uno dei leader del centrosinistra italiano, Pier Luigi Bersani.

L'opinione pubblica si è divisa. Da una parte chi contesta l’ironia e la presa in giro nei confronti della capitana della "Sea Watch" Rackete (aggravata dalla partecipazione alla messinscena dei due onorevoli), dall’altra chi si limita a giudicare un’innocua “gag” la scenetta. Sulla vicenda si sono Carola Rackete finta-2divisi anche i bettolesi. I carri allestiti per la festa, come ogni anno, hanno divertito i presenti. Ma quello dedicato a Salvini e Rackete (con tanto di finta Guardia di Finanza) ha avuto un'eco vastissimo. «Ieri a Bettola alla Festa della Bortellina – ha commentato Marcellina Anselmi, ex amministratrice e rappresentante del Pd bettolese - è successa una cosa grave: è stato inscenato l'arresto di Carola Rachete (colpevole di aver salvato alcuni migranti secondo gli attivisti della Lega) con addirittura un figurante che le vuole schiacciare la testa con uno scarpone. Penso che la Festa della Bortellina debba rimanere una festa popolare e un momento di svago per tutti, e non vada mai strumentalizzata a fini politici, e men che meno quando l'argomento riguarda vite umane vere». «Io non mi scandalizzo – è intervenuto un altro ex consigliere comunale della sinistra, Mauro Bruzzi - anche se sarebbe stato più divertente vedere l’uomo travestito da una persona dichiarata innocente dalla magistratura, sfuggire dalla Guardia di Finanza invece che essere catturato in malo modo davanti a dei parlamentari. La strumentalizzazione politica è stata poi fatta dalla Murelli che ha fatto un post come se avesse partecipato alla sua festa "abbiamo arrestato" rilanciandolo a livello nazionale».

Da registrare anche la presa di posizione del consigliere comunale di maggioranza a Bettola Luca Corbellini, nonché rappresentante locale di Fratelli d’Italia. «Qualcuno – scrive Corbellini - ha definito la nostra sagra una “festa leghista”. Nulla di più falso, visto che è la Carola Rackete finta-3festa di paese e dunque, per definizione, di tutti i bettolesi. Tra l’altro erano presenti, come ogni anno, deputati, consiglieri regionali, sindaci, assessori e consiglieri comunali di diversi schieramenti politici, dalla destra alla sinistra. Bandiere leghiste non ce n’erano. In testa al corteo c’era solo il nostro amato Tricolore». «In secondo luogo – prosegue il consigliere dell’Amministrazione del sindaco Paolo Negri - la sfilata di carri allegorici ha da sempre caratterizzato la Festa della Bortellina e non è la prima volta che vediamo carri satirici su temi “caldi”. E credo sia giusto così: in fondo il ruolo stesso della satira è quello di far riflettere non solo i cittadini, ma anche chi è stato scelto da questi come loro rappresentate e governante. A nessuno, però, è mai venuto in mente di sfruttare questa tradizione per farne un fatto politico e dispiace che sia avvenuto quest’anno. Ultima considerazione. Il prossimo anno saremo ben contenti di ospitare giornalisti e stampa nazionale a Bettola. Mostreremo loro il vero spirito di questa festa, fatta di volontari che, al di là delle idee, mettono anima, cuore ed energie per il proprio paese e che per questo non finiremo mai di ringraziare: un paese e un territorio che meritano molto di più rispetto ad articoli su delle goliardate. Viva Bettola e viva la Festa della Bortellina».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • Massimo la uccide e poi le scrive su WhatsApp. Perazzi chiamò due volte i carabinieri

  • In auto contro un Tir, due feriti gravissimi

Torna su
IlPiacenza è in caricamento