Il vice di Salvini a Bettola: «Il M5s è la stessa faccia del Pd, ma è peggio»

Il vicesegretario della Lega, Andrea Crippa, incontra militanti e amministratori a Bettola. «Attenti all’autonomia di Bonaccini, è fasulla. Lo sviluppo si fa con flat tax e autonomia, altro che reddito di cittadinanza»

Andrea Crippa a Bettola insieme ai militanti piacentini

Autonomia, famiglia, sviluppo economico, immigrazione, giustizia. Sono alcuni dei temi toccati da Andrea Crippa, parlamentare e vice segretario della Lega che, il 28 settembre, ha partecipato al ritrovo di militanti e amministratori del Carroccio organizzato dalla sezione Lega Alta Valnure.

Alla serata presenti anche i parlamentari Pietro Pisani ed Elena Murelli e il consigliere regionale Matteo Rancan. «Oggi chi difende tradizioni, identità e radici viene definito fascista. A scuola non si può parlare di Natale, di crocifissi e far notare che la famiglia è composta di una mamma e di un papà è diventato strano. Ora, chi è il fascista?». Sull’immigrazione, Crippa ha sottolineato come gli sbarchi siano raddoppiati in poco più di un mese e che arrivano in Italia persone che finiranno a fare gli schiavi a 3,5 euro all’ora. «Le imprese - ha continuato non ce la fanno più: troppe tasse e burocrazia. Altro che reddito di cittadinanza. Le risposte sono altre, sono la flat tax e l’autonomia. Attenzione però: quella proposta da Bonaccini in Emilia Romagna è una falsa autonomia, prende in giro i cittadini». Sul piano politico, Crippa ha affermato che «il M5s è la stessa faccia del Pd, ma è peggio. Renzi? Non credo che il suo piccolo partito sfonderà». Infine un appello per le prossime regionali: «La Lega è coerente e leale, ma per vincere non si può stare sul divano. Occorre scendere in piazza, tra la gente. No a chi viene nella Lega solo per avere benefici o poltrone».

Pisani ha ricordato come il recente disegno di legge approvato al Senato sulle piccole produzioni locale «aiuti la montagna. Servono infrastrutture, comunicazione e bisogna puntare sulle energie alternative». Murelli ha scandito «che la battaglia per la Regione sarà dura. Dobbiamo metterci tutti al lavoro». Infine, Rancan ha suonato la carica: «In Emilia Romagna possiamo vincere, ma servono forza e coraggio. Dall’ultimo militante fino agli amministratori serve un impegno per poter abbattere un sistema di potere decennale gestito sempre dalla sinistra».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

bettola crippa-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento