rotate-mobile
Politica

Area ex Mazzoni, 5 Stelle: «Ok sofferto, ma è un’opportunità»

I consiglieri comunali Pugni e Dagnino agli attivisti: «Prendiamo atto delle esternazioni degli ultimi giorni anche se riteniamo più costruttivo esprimere i propri punti di vista prima della discussione in Consiglio Comunale»

Il Movimento 5 Stelle, in merito alla delibera del Consiglio Comunale del 19 marzo riguardante l'area di via Calciati, per cui si è espresso con parere favorevole, ci tiene a ricostruire gli eventi per correttezza istituzionale e spiegare le decisioni prese. «Questo – spiegano Sergio Dagnino e Andrea Pugni, consiglieri comunali dei grillini - sia alla luce di quanto scritto da un gruppo di attivisti del movimento sia per le parole autorevoli del presidente dell'Unione Commercianti, Raffaele Chiappa. Il 15 marzo in Commissione 1 si è discusso della variazione dell'Area e del relativo progetto. Il consigliere Pugni tra le altre cose (richiesta di una nuova viabilità via Calciati, pista ciclabile, parcheggio h 24 libero, tutto a carico del privato costruttore) ha espresso la necessità di coinvolgere le associazioni di categoria per capire la loro posizione e gli eventuali spunti che ne potessero scaturire. A fronte di questi dubbi, in rappresentanza del Movimento 5 Stelle, si è astenuto dal votare. Nei giorni successivi, fino al 21 marzo giorno del Consiglio Comunale, i quotidiani locali hanno dato risalto alla questione dell'area di via Calciati. Non abbiamo avuto sentore di critiche a mezzo stampa o di prese di posizione dei nostri attivisti e neppure eravamo a conoscenza di esternazioni sotto altre forme da parte delle associazioni di categoria. Il giorno del Consiglio Comunale il consigliere Pugni ha, tra le altre richieste, nuovamente espresso le seguenti necessità: "... per una logica di concertazione sembrerebbe opportuno e probabilmente è stato fatto... sentire le associazioni di categoria,,, perché ci possono essere anche delle resistenze. Mi sembra corretto coinvolgere le associazioni dei commercianti per valutare quello che è il loro giudizio".

Il voto, vista la nostra contrarietà alla creazione di nuovi centri commerciali ben evidenziato in campagna elettorale, è stato sofferto (lo stesso consigliere Dagnino lo ha sottolineato durante il Consiglio). Riteniamo che, così come modificato in Consiglio Comunale, il progetto possa rappresentare una massimizzazione di opportunità per la città considerando l'attuale stato di cose. Ricordando che si tratta di un'area privata, è prevista la riduzione dell'attuale area coperta, il rifacimento della viabilità di via Calciati, una nuova pista ciclabile su proprietà privata, un parcheggio di 135 posti aperto 24 ore al giorno, un nuovo terrapieno sul lato della vecchia sede ferroviaria e oneri di urbanizzazione per oltre 300 mila euro. Altri interventi in passato non hanno avuto lo stesso impatto favorevole per la città. E' doveroso per noi valutare ogni nuovo progetto senza implicazioni ideologiche o di partito (questo fa il M5S); in passato sono state autorizzate concessioni per quelli che oggi sono i nuovi centri commerciali (alcuni di dimensioni rilevanti) che hanno realmente contribuito alle difficoltà del piccolo commercio che attende da anni interventi strutturali (es. riqualificazione, parcheggi e trasporto pubblico funzionale e manutenzione ordinaria). Prendiamo atto, a dimostrazione della nostra attenzione verso le più diverse istanze, delle esternazioni degli ultimi giorni anche se riteniamo più costruttivo esprimere i propri punti di vista prima della discussione in Consiglio Comunale visto che come sempre, stampa, social e sito ufficiale del Comune ne hanno dato per tempo ampia notizia».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area ex Mazzoni, 5 Stelle: «Ok sofferto, ma è un’opportunità»

IlPiacenza è in caricamento