Aree militari, il consiglio decide oggi sulla commissione

Alle 16 consiglio comunale a Palazzo Mercanti. Si deciderà sul futuro della commissione speciale delle aree militari e verranno formalizzate le dimissioni presentate dal suo presidente, Gianni D'Amo

Oggi pomeriggio, alle 16, si riunisce il consiglio comunale. Al primo punto dell'ordine del giorno, il futuro della commissione speciale delle aree militari, spaccata dopo le frizioni delle scorse settimane, fra alcuni dei suoi componenti. Gianni D'Amo, presidente di commissione, formalizzerà durante la seduta le sue dimissioni, così come i consiglieri Puzu e Ballerini, entrambi del Popolo delle Libertà.

Nei giorni scorsi, infatti, sul nuovo piano strutturale comunale che include anche la rivalorizzazione di aree militari, ci sono stati attriti a Palazzo Mercanti fra maggioranza e opposizione, da cui sarebbe generata la rottura. E adesso, è in forse addirittura il futuro della commissione stessa.

In base ad una convenzione stabilita con il Ministero della Difesa, nel nuovo piano regolatore che dovrà essere approvato dal consiglio comunale il prossimo gennaio, figura la reintegrazione e rivalorizzazione di zone militari non più adibite a questo scopo. Attualmente i lavori della commissione speciale, nata e istituita con spirito bipartisan, sono in una fase di stallo.

Già qualche settimana fa il vicesindaco, Francesco Cacciatore, aveva auspicato un coinvolgimento di tutte le forze politiche, per velocizzare la destinazione d'uso delle aree dismesse dalla difesa, al fine di istituire un collegamento diretto fra Roma e Piacenza.

Così, adesso che il Popolo delle Libertà si chiama fuori, la commissione speciale non è più bipartisan. Non posso fare il presidente di una parte sola, queste le motivazioni alle dimissioni presentate da Gianni D'Amo. Che si dice comunque soddisfatto del lavoro prodotto dalla commissione fino a questo punto. Il piano strutturale è finalmente vicino, ha dichiarato.

La commissione speciale delle aree militari è chiamata a decidere sulla delocalizzazione delle seguenti aree di pertinenza della difesa: Staveco, Macra, ex Pertite, Arsenale, laboratorio pontieri e ex ospedale militare.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento