rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
La protesta / Centro Storico / Piazza Cavalli

Aumento delle tasse: «Misure scomode a inizio mandato ma i cittadini presi in giro non dimenticano»

Gli esponenti della Lega sono scesi in piazza contro le decisioni della Giunta: «Tarasconi va dritta al portafoglio»

Protesta sotto ai portici di palazzo Mercanti a Piacenza: gli esponenti della Lega sono scesi in piazza contro la decisione della Giunta comunale di «aumentare Irpef, tassa di soggiorno, l’introduzione del pagamento per le pratiche edilizie per i professionisti e dell’aumento dei biglietti dei pullman». Ha spiegato il consigliere comunale Luca Zandonella: «Siamo di fronte ad un innalzamento di tasse non annunciato in campagna elettorale, anzi in quel periodo si diceva il contrario e dopo sei mesi di mandato il risultato è diverso e la Lega esprime contrarietà a tutti questi aumenti».

«Il messaggio è chiaro – è intervenuto il consigliere regionale Matteo Rancan -: Lo slogan di Tarasconi era “dritti al cuore” invece, secondo noi, va dritta al portafoglio. Il dato imprescindibile è che la sinistra mantiene la sua volontà, il suo modus operandi di promettere una cosa e farne completamente un'altra. Questo sicuramente non è il momento giusto per andare a toccare le tasche dei cittadini, non possiamo permetterci questa cosa. Noi come Lega siamo fortemente contrari: vogliamo una Piacenza che dia aiuto. Il centrodestra e la Lega, nello specifico, ha per esempio, varato anche al Governo delle misure di aiuto e sicuramente la differenza è chiara ed evidente, noi non capiamo come mai la sinistra vuole fare questo». Secondo Rancan «è stata messa in atto una misura scomoda ad inizio mandato perché si spera che dopo cinque anni i cittadini si dimenticano di quello che si è fatto ma così si prendono soltanto in giro i piacentini: questo non è il modo giusto per fare politica».

Da Castelsangiovanni l’ex assessore Valentina Stragliati (ora consigliera regionale) ha portato «l’esempio virtuoso» dell’Amministrazione comunale: «Noi siamo la dimostrazione che amministrare bene è possibile senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Infatti la Giunta del sindaco Lucia Fontana, sostenuta da una coalizione di centrodestra, nel 2019 ha abolito completamente la tassa sul passo carraio, ha ridotto l'aliquota Imu per gli immobili di categoria C1 e C3 e ha ridotto l'aliquota Irpef dallo 0,73% allo 0,63%, con un livello di esenzione a 16.000 € che è tra i più alti in Regione Emilia-Romagna». Per farlo occorre che «un buon amministratore cerchi soluzioni e con buona volontà si può fare tutto senza aumentare le tasse, anche se i bilanci degli Enti Locali sono molto blindati».

Aumento delle tasse: «Misure scomode a inizio mandato ma i cittadini presi in giro non dimenticano»-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumento delle tasse: «Misure scomode a inizio mandato ma i cittadini presi in giro non dimenticano»

IlPiacenza è in caricamento