Rissa tra profughi a Vernasca, Forza Nuova: «A rischio la loro sicurezza e quella della comunità»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Rissa tra profughi pachistani, una delle tante all'ordine del giorno, succede a Vernasca, presso un agriturismo che da tempo li accoglie. Sette richiedenti asilo hanno aggredito un compagno durante la lezione di italiano, spaccando una lastra di vetro e usati i cocci come arma, in aggiunta a forconi. “Le cronache che quasi ogni giorno ci propinano i profughi, ci parlano di risse e aggressioni gravi spesso attribuite a motivi futili” dichiara Barbara Cremona, coordinatore provinciale di Forza Nuova Piacenza. “Quando la Prefettura emana avvisi pubblici di gara, su indicazione del Ministero dell'Interno, per individuare strutture di accoglienza in grado di ospitare profughi” precisa Barbara Cremona “oltre che stipulare un accordo quadro e garantire , a scorrimento della stessa graduatoria, l'individuazione dei centri presso cui alloggiare gli immigrati, dovrebbe anche garantire ai cittadini che il gestore della struttura sia in grado di far fronte, tramite un'èquipe multidisciplinare con competenze socioeducative, la protezione immediata, dal momento che parecchi di loro sono portatori di particolari fragilità.” “Sino ad oggi, alla luce degli ultimi episodi,” continua la nota “constatiamo che i profughi sono entrati direttamente in agriturismi, alberghi, case private senza offrire loro i servizi previsti dallo SPRAR, ponendo così a rischio non solo la sicurezza individuale, ma dell'intera comunità.” “Auspichiamo che si adottino serie misure di sicurezza ” conclude Cremona “perché scaricare le responsabilità, gli uni contro gli altri, non è amministrare un paese, tanto più saper accogliere.”

Torna su
IlPiacenza è in caricamento