Autonomia dell'Emilia-Romagna, Rancan: «Bonaccini chiarisca da che parte sta»

L'intervento del consigliere regionale della Lega Nord Matteo Rancan

«Nel 2016 sosteneva un referendum costituzionale che contemplava la riduzione dei poteri delle Regioni, nel 2017 si scopre invece autonomista. Il presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini, che oggi vuole trattare con lo Stato per ottenere maggiori funzioni per l’ente, si renda conto dell’ambiguità delle sue posizioni prima di emulare il processo autonomista di Lombardia e Veneto in modo goffo e tardivo». È il commento del consigliere regionale Matteo Rancan della Lega Nord sul documento di indirizzi per l’avvio del percorso necessario al riconoscimento di una maggiore autonomia regionale approvato dalla Giunta il 28 agosto. «L’amministrazione regionale – sottolinea l’esponente piacentino del Carroccio – si presenterà con il cappello in mano al cospetto del Governo, che ha già tentato di negare a Veneto e Lombardia, tramite ricorso, il referendum autonomista del 22 ottobre. Bonaccini e il suo esecutivo – esorta Rancan - chiariscano dunque da che parte intendono stare: se da quella tradizionale del centralismo, oppure se da quella dei territori da sempre sostenuta dalla Lega, che già nel programma per le elezioni regionali del 2014 proponeva l’autonomia e denunciava il furto di risorse attraverso la mancata restituzione del residuo fiscale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento