Bando sul verde, Cgil e Cisl: «Servirebbe sempre più dialogo»

Appalto del verde del Comune di Piacenza, intervengono Baiardi (Fp Cgil) e Canepari (Cisl Fp)

«Come già fatto in passato proprio sull’appalto in questione, su cui avevamo espresso forti preoccupazioni attraverso una presa di posizione pubblica nel maggio scorso, ribadiamo alle amministrazioni pubbliche l’importanza del confronto con le organizzazioni sindacali. I rappresentanti dei lavoratori vanno ascoltati in modo da evitare problemi come quelli che si stanno registrando in questi giorni». Sulla recente sentenza del Tar che ha bocciato l’appalto per la manutenzione del verde pubblico a Piacenza, Giovanni Baiardi (Fp Cgil) e Alberto Canepari (Cisl Fp) intervengono con una nota stampa. «Abbiamo appreso dagli organi di stampa delle recente sentenza del Tar e ovviamente non entriamo nel merito della sentenza – proseguono Baiardi e Canepari -. Tuttavia chiediamo alla committenza pubblica, ovvero al Comune di Piacenza di mettere in campo tutti i dovuti approfondimenti del caso, sia per quel che riguarda il requisito sociale (almeno il 30% di persone svantaggiate impiegate nel lavoro fin da subito, trattandosi di cooperativa sociali di tipo B ed essendo previsto dal capitolato di gara), sia per quel che riguarda la qualità del servizio erogato ai cittadini». «Chiediamo per il futuro che tutte le committenze pubbliche e private siano aperte al dialogo e alla collaborazione, questo permetterebbe di tutelare meglio i lavoratori da un lato, e valorizzare le attività con riflessi sociali del nostro territorio dall’altro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • «Su Tik Tok combatto il bullismo: la vita è più importante di chi ci odia perché diversi»

  • Cani venduti con falsi certificati sanitari, coppia a processo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento