rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Barbieri: «Più politiche di sostegno alle donne con il centrodestra»

Le parlamentari di Forza Italia Deborah Bergamini, Elena Centemero, Stefania Prestigiacomo e l’europarlamentare Elisabetta Gardini sono state protagoniste di un convegno – organizzato al Park Hotel – dal titolo “Prima le donne-Idee per l’Europa”

Le parlamentari di Forza Italia Deborah Bergamini, Elena Centemero, Stefania Prestigiacomo e l’europarlamentare Elisabetta Gardini sono state protagoniste di un convegno – organizzato al Park Hotel – dal titolo “Prima le donne-Idee per l’Europa”. L’iniziativa tutta al femminile, che aveva l’obiettivo di fare il punto della situazione sulla condizione della donna in Italia e le battaglie di ieri e del futuro, è stata l’occasione anche per tirare la volata al candidato sindaco del centrodestra Patrizia Barbieri. Sono intervenute al Park Hotel anche il consigliere comunale di Castelsangiovanni Wendalina Cesario e Valentina Mazzacurati del movimento giovanile del partito di Berlusconi.

L’iniziativa è stata coordinata dall’europarlamentare Elisabetta Gardini. «Il programma del Ppe – ha detto prima di lasciare parlare Bergamini, Prestigiacomo e Centemero sui temi femminili – sull’immigrazione è identico a quello di Forza Italia, sembra proprio il nostro. Tutto questo mentre la sinistra è più preoccupata di difendere prima i malviventi e malintenzionati che le vittime.
Centrodestra unito e la prima forza in Italia può e deve vincere. Spero che a queste amministrative la gente si accorga che i problemi si possono risolvere solo da noi. In attesa, ovviamente, delle Elezioni Politiche». Gardini ha inoltre ricordato la vittoria di Antonio Tajani, eletto presidente del parlamento europeo. «Una grande vittoria di Forza Italia, è il primo italiano a riuscirci,  ci riempie di gioia».

È intervenuta, ovviamente, anche il candidato sindaco Patrizia Barbieri. «Quando si candida una donna le si dice spesso “chi te l’ha fatto fare”. Ho la risposta pronta: lo faccio proprio perché sono donna. Noi abbiamo differenze legate proprio al nostro essere donna. La quotidianità di una donna è costellata da mille imprevisti, e in poco tempo dobbiamo ragionare e prendere decisioni.  Siamo abituate al sacrificio, sono doti innate che già abbiamo. Come è nota la nostra capacità di mediazione, che è cosa diversa rispetto al compromesso». Barbieri si è poi detta «onorata di aver ricevuto dal centrodestra la possibilità di candidarmi». Barbieri ha lanciato un messaggio ai piacentini: «Sta iniziando una nuova stagione per Piacenza». «La sinistra sulle donne – ha proseguito - si riempie la bocca ma non ha fatto nulla. Dobbiamo essere orgogliosi di portare avanti le nostre battaglie, e andare avanti. Le donne del sono in grado di conciliare tutto». «Siamo donne – ha poi aggiunto ancora Barbieri -, noi non scendiamo a compromessi ma siamo portate a mediare, siamo quelle che tengono unite le cose e le persone. E proprio in quest'ottica voglio assicurare che faremo di tutto, una volta alla guida di questa città, per attivare quelle politiche che servano ad aiutare le donne nella loro vita lavorativa, di mamme e di mogli. Spingeremo per la realizzazione di asili aziendali a partire dall'Asl che è l'azienda con più personale, e in particolare femminile, della nostra città. Allo stesso modo cercheremo di attivare tutte quelle azioni che competono a un'amministrazione pubblica per favorire la conciliazione dei tempi per le donne lavoratrici e mamme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbieri: «Più politiche di sostegno alle donne con il centrodestra»

IlPiacenza è in caricamento