«Bastano due giorni di pioggia ed il nostro territorio è di nuovo in ginocchio»

Paola Galvani e Gloria Zanardi (Forza Italia): «Sappiamo che le procedure di allerta sono inadeguate ed insufficienti e che la stabilità idrogeologica del territorio della nostra provincia è precaria»

«Ancora una volta si stava sfiorando l'ennesima tragedia. Bastano due giorni di pioggia ed il nostro territorio è di nuovo in ginocchio: strade chiuse e non percorribili, pericolo di esondazioni, frazioni isolate, black out agli impianti elettrici, ma soprattutto molta paura». Sulla recente emergenza maltempo, e le sue consgeunze, intervengono le consigliere provinciali Paola Galvani e Gloria Zanardi (Forza Italia, nella foto in basso). 

«Sono passati pochi mesi da quando la Provincia di Piacenza ha dovuto fare fronte con risorse proprie all'emergenza alluvione settembre 2015. Scelte responsabili per il bene del nostro territorio, nonostante i conti di cassa dell'ente provinciale siano già penalizzati dal caotico riordino in atto. Dei quasi 10 milioni spesi dalla Provincia per l'alluvione solo 1.4 verranno rimborsati dalla Regione Emilia Romagna, e gli altri?Gli altri erano già destinati alle strade ed alle scuole in condizioni pietose prima dell'alluvione. Ora, invece, serviranno altre risorse, altre energie e quell' ”ente provincia”, che deve essere cancellato dalla costituzione, è costretto a vendere i gioielli di famiglia (palazzo della prefettura) per fronteggiare le emergenze». 

foto zanardi galvani-2«Non è più tempo di chiacchiere o di passerelle politiche (non si è mai visto tanto governo a Piacenza),  - prosegue la nota - ma è tempo di opere, da quelle più piccole, per ripristinare la normale viabilità, a quelle più ampie di difesa. Sappiamo che le procedure di allerta sono inadeguate ed insufficienti – ricordando le dichiarazioni del direttore dell'Agenzia regionale di Protezione Civile, Maurizio Mainetti, in sede di commissione di inchiesta presso il Comune di Piacenza. Sappiamo che la stabilità idrogeologica del territorio della nostra provincia è precaria. Sappiamo che le risorse umane ed economiche a disposizione dei comuni non sono sufficienti per fare fronte a situazioni di questo genere».

E ancora: «Tuttavia, essere consapevoli delle criticità che si riscontrano in queste situazioni non basta per mettersi il cuore in pace. Superata questa fase emergenziale, devono necessariamente realizzarsi progetti strutturali ed interventi sistematici su tutto il territorio piacentino per la prevenzione del dissesto idrogeologico e per la difesa del suolo, nel senso più ampio possibile. La sicurezza e l'incolumità dei cittadini sono priorità imprescindibili. Occorre stanziare risorse senza lesinare per la protezione delle persone e anche i loro beni – frutto della fatica di una vita».

Concludono Zanardi e Galvani: «Il governo centrale, invece di perdersi in chiacchiere su temi in merito ai quali, in questa sede, meglio non soffermarsi, dovrebbe concentrarsi maggiormente su problemi come questi che riguardano tutta la collettività e che possono comportare conseguenze drammatiche, come già accaduto. Tra l'altro sono gli amministratori dei comuni interessati che, essendo a contatto diretto con i cittadini, ricevono lamentele e proteste dai residenti, giustamente arrabbiati e che, spesso, comprensibilmente non sono al corrente che, purtroppo, non dipende sempre dal sindaco o dai consiglieri la risoluzione diretta dei problemi, occorrendo rispettare passaggi burocratici e competenze di vario genere, mentre altri politici si limitano a sorvolare in elicottero le zone colpite. Deve essere un impegno di tutti prevenire agire e difendere il nostro territorio ed i nostri abitanti, deve essere il primo obbiettivo di ogni politico. E chi non è in grado di stare vicino a noi poveri amministratori locali senza risorse forse è il caso che rifletta sul proprio ruolo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento