Bilancio 2011, salve le "merende" con sponsor privato. Il Prc: "Togliamo soldi alla chiesa"

In Comune in discussione il bilancio 2011. Forse un emendamento da 40mila euro per le merende degli asili. Opposizione scettica

Dopo la levata di scudi popolare contro il tagli alle merende alle scuole materne, l'amministrazione comunale sembra aver trovato un "margine" di intervento per raggiungere i 40mila euro necessari al servizio. In discussione, in questi giorni, c'è infatti il bilancio 2011. Con un emendamento ad hoc, palazzo Mercanti potrebbe cancellare una o più voci di spesa per ripristinare il denaro necessario. E si è fatto avanti anche uno sponsor privato - un'azienda di ristorazione - che potrebbe garantire i soldi.

TASSI (PDL): "CITTA' SENZA SVILUPPO" - Lo riportano i quotidiani cittadini, con articoli di Gianluca Croce e Gustavo Roccella. Per Rifondazione la soluzione è semplice: trasferire tutte le erogazioni riconducibili "a enti ecclesiastici" a servizi per l'infanzia e "settore pubblico". Carlo Mazza (Misto) propone l'abolizione di Pulcheria (la manifestazione femminile alla quale il Comune ha contribuito con 26mila euro), mentre Marco Tassi (Pdl) ha aspramento criticato la manovra: "Non c'è nessuna politica di sviluppo economico, la città sta regredendo; le liste d'attesa negli asili non sono state eliminate, le case popolari non ristrutturate e, soprattutto, nessuna attenzione per le frazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I TAGLI - L'assessore comunale al Bilancio Luigi Gazzola, riferendosi alle scelte imposte da Roma, ha sospirato: "Nella realtà, più di così non si può fare: siamo all'osso". Ed esposto i tagli principali: per le aree verdi il Comune avrà a disposizione 470mila euro in meno, e 300mila euro mancheranno per la manutenzione di strade ed edifici. Assunzioni bloccate, poi, contratti dei dipendenti fermi, meno trasferte e minori attività di formazione. "Ma nella qualità dei servizi sociali", ha sottolineato Gazzola, "si mantiene l'alto standard precedente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento