Politica

Bonaccini: «Evitiamo che la pandemia sanitaria si trasformi in pandemia burocratica»

Il presidente dell'Emilia-Romagna a Domenica In parla di «Patto coi cittadini per snellire il sistema, con gli autotest si facilita la procedura di quarantena e si protegge si sistema sanitario»

«Dobbiamo evitare come Paese che la pandemia sanitaria si trasformi in pandemia burocratica». Lo ha detto il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a Domenica In' su Raiuno, raccontando l'esperienza dell'autotest lanciato nella propria regione per positivi asintomatici, vaccinati con terza dose. «Bisogna cercare regole e modalità - ha detto Bonaccini - per evitare di avere persone bloccate in casa per settimane. Da un lato snelliamo il sistema, sgraviamo i sanitari che possono occuparsi di quelli che hanno bisogno davvero e non blocchiamo a casa le persone che stanno bene. E' un patto coi cittadini». Bonaccini ha ricordato anche i dati delle vaccinazioni in Emilia-Romagna: il 93,6% della popolazione sopra i 12 anni con una dose, il 91,5% che hanno due dosi, e oltre la metà ha già avuto il booster. «Abbiamo 3,7 milioni di vaccinati con ciclo completo su 4 milioni e meno di 300mila sono i non vaccinati eppure nei reparti di terapia intensiva due terzi sono non vaccinati. Bisogna fidarsi nella scienza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonaccini: «Evitiamo che la pandemia sanitaria si trasformi in pandemia burocratica»
IlPiacenza è in caricamento