menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bonaccini con i sindaci nella scuola di Farini

Bonaccini con i sindaci nella scuola di Farini

Bonaccini in visita ai comuni alluvionati: «State tranquilli, ricostruiamo tutto»

Tour a Roncaglia, Bobbio, Marsaglia, Farini e Bettola per il presidente della Regione (accompagnato dall’assessore Paola Gazzolo). Nasce un Comitato istituzionale per gestire le priorità dell’emergenza e i 15 milioni di euro già arrivati

Una giornata intera trascorsa nei comuni colpiti dall’alluvione del 14 settembre scorso. Il presidente Stefano Bonaccini è tornato per la terza volta in due settimane nel Piacentino per fare il punto della situazione, vedere da vicino i problemi e raccogliere le richieste dei sindaci e della gente. Lo ha fatto partendo dalla frazione del capoluogo Roncaglia, passando per Bobbio e Marsaglia, visitando Bettola e incontrandosi con le autorità nella scuola di Farini nel tardo pomeriggio.

«Oggi volevo toccare con mano i problemi – ha detto Bonaccini ai sindaci, accompagnato dall’assessore alla protezione civile Paola Gazzolo, dal presidente della Provincia e dal prefetto Anna Palombi – dopo avervi già incontrato in Provincia e in prefettura con Renzi. Avevo visto dall’elicottero la situazione e l’assessore Gazzolo mi ha sempre tenuto in costante aggiornamento: oggi ho visto che in solo due settimane c’è già stata una grande reazione del territorio. Vi posso garantire che recupereremo tutto ciò che è stato perso». Nel frattempo, proprio a Farini, si sono poste le basi per la costituzione di un Comitato che gestisca gli interventi di ricostruzione, presieduto dal presidente della Provincia Francesco Rolleri. «Vi ringrazio per la tenuta che state dimostrando ai vostri comuni – ha ripreso il presidente della Regione e vi assicuro che tornerò qui a fine ottobre/inizio novembre per fare di nuovo il punto della situazione». Sandro Busca-2

Bonaccini ha ricordato le promesse mantenute di questi primi giorni post-alluvione. «Dopo solo 11 giorni è stato dichiarato lo Stato d’Emergenza nazionale, sono arrivati inoltre 15 milioni di euro (10 dal Governo, 5 dalla Regione, anche se quattro sono rivolti al parmigiano) per gli interventi di somma urgenza ed è stato sbloccato il Patto di Stabilità per un’altra decina di milioni di euro. Il neonato Comitato penserà su quali priorità mettere queste risorse». Il presidente ha azzardato qualche promessa per il futuro. «Entro dieci giorni vi diremo se sarà possibile mettere a disposizione un milione di euro come fondo di garanzia per le imprese colpite dall’alluvione che necessitano di investimenti per il futuro. Contiamo di portare nel 2016, se li sommiamo ai 15 milioni di euro già arrivati, a qualcosa come 30 milioni di euro di aiuti. Stiamo intervenendo in una situazione di emergenza ma bisogna comunque fare le cose per bene e a regola d’arte, pensando anche al futuro. Il Comitato avrà il compito di non disperdere gli aiuti arrivati: tutto ciò che è stato raccolto deve essere destinato a progetti specifici».

Il Servizio Tecnico di Bacino è al lavoro per costruire gli argini del Nure in diversi punti, a partire da Farini, dove la situazione era molto compromessa. Francesco Capuano ha informato che sono stati già effettuati lavori per 1 milione e 130mila euro. Si è parlato anche di strutture sportive. «Per il 2015 abbiamo appena stanziato 3,8 milioni di euro per l’impiantistica sportiva in Regione. Vi consiglio di utilizzare le risorse che spetteranno al Piacentino per aiutare gli impianti dei paesi colpiti. Purtroppo intervenire sulle strutture sportive – a Marsaglia e Bettola i centri sportivi sono stati devastati e a Farini un campo da calcio non esiste più, nda - non può rientrare nelle cose possibili da fare durante la fase di emergenza».sindaci alluvione Farini-2

Il sindaco di Bettola Sandro Busca ha chiesto un sufficiente dispiegamento di mezzi e uomini per continuare le ricerche di Filippo Agnelli, padre di Luigi, disperso dal 14 settembre scorso. «È un impegno etico, morale e civile continuare a cercare una persona che è stata in passato pure al servizio della comunità nel ruolo di assessore comunale». Busca inoltre si è detto in difficoltà nel fare i numerosi accertamenti e valutazioni di danni e situazioni problematiche con un solo tecnico comunale a disposizione. A tal proposito Raffaele Veneziani (sindaco di Rottofreno) ha fatto presente che l’Anci ha raccolto numerosi comuni disponibili a mettere al servizio del Piacentino le proprie competenze. «Non manca la solidarietà in Emilia-Romagna – ha aggiunto Bonaccini -: mi hanno contattato qualcosa come 70-80 comuni per mettere a disposizioni tecnici e volontari. Comunque il fatto che mancano i tecnici ai comuni è un invito a fare le Unioni, per avere più professionalità». Farini conta qualche decina di sfollati, tutti ospitati da parenti. «Per loro potremmo pensare di pagare l’affitto a un prezzo contenuto in alcune strutture. E poi contiamo sulla proroga delle tasse per quanto riguarda il 2016 promessa dal nostro premier Renzi».

Bonaccini a Farini-3 Bonaccini Roncaglia-2 Bonaccini Ponte Gobbo-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento