Bus: la Giunta conferma le agevolazioni per anziani, invalidi, famiglie numerose e under 27

Il Comune continuerà a farsi carico degli abbonamenti annuali per gli ultrasessantacinquenni il cui Isee del nucleo familiare non superi i 15 mila euro

La Giunta ha approvato, nella seduta di giovedì 31 gennaio, l’accordo con Seta per la conferma delle esenzioni ed agevolazioni – già in vigore nel 2018 – sulla tariffa degli abbonamenti annuali al trasporto pubblico urbano, per alcune fasce di utenti.  A decorrere da oggi, venerdì 1° febbraio, l’Amministrazione comunale continuerà a farsi carico degli abbonamenti annuali per gli anziani ultrasessantacinquenni (o che compiano i 65 anni entro il 31 dicembre 2019), il cui Isee del nucleo familiare non superi i 15 mila euro, nonché per i cittadini con invalidità che rientrino nelle categorie da B a J dell’allegato 2 alla Delibera regionale 1982 del 2015. L’importo, interamente finanziato dal Comune, è di 150 euro per ciascun abbonamento.

«Nonostante le difficoltà di bilancio – sottolinea l’assessore ai Servizi Sociali Federica Sgorbati – abbiamo voluto mantenere quello che consideriamo un aiuto di fondamentale importanza per i cittadini anziani o con disabilità, che si trovino in condizioni economiche disagiate. Allo stesso modo, l’Amministrazione comunale ha scelto di stanziare anche quest’anno risorse integrative rispetto a quelle previste dalla Regione Emilia Romagna, per andare incontro alle esigenze di chi può maggiormente beneficiare di una riduzione sulle tariffe del trasporto pubblico: non solo le persone anziane, ma anche le famiglie numerose e i giovani, in particolare studenti o lavoratori precari, sino ai 27 anni».

Grazie al finanziamento aggiuntivo garantito dal Comune, si conferma la possibilità di sottoscrivere l’abbonamento annuale al costo di 150 euro – anziché i 208 euro della tariffa dedicata – per i cittadini over 65 (o che raggiungano tale limite di età entro il 2019), con Isee del nucleo familiare superiore ai 15 mila euro o che ritengano di non presentare la certificazione Isee. Anche per le famiglie numerose con almeno 4 figli e Isee del nucleo non superiore a 18 mila euro, sarà possibile acquistare l’abbonamento annuale al costo di 72 euro invece della tariffa, già agevolata, di 150 euro; a parità di Isee, per i nuclei con tre figli a carico l’importo di ogni abbonamento sarà di 148 euro, ridotto rispetto ai 260 euro previsti per tale categoria. Per i giovani dai 15 ai 26 anni compiuti, infine, si conferma la tariffa di 150 euro, invece del costo di 240 euro preventivato per la loro fascia d’età. Tutti gli abbonamenti in questione, sottoscrivibili dal 1° febbraio, hanno la durata di 12 mesi dalla data di emissione e richiedono, per chi non ne fosse già in possesso, l’acquisizione della tessera magnetica “Mi Muovo”, al costo di 5 euro e di validità quinquennale. Per quanto riguarda la documentazione Isee relativa a tutte le tipologie di abbonamenti agevolati, grazie all’accordo tra Comune e Seta sarà possibile, sino al 31 marzo prossimo, presentare il modello Isee 2018. Dal 1° aprile, invece, occorrerà la documentazione aggiornata all’anno in corso.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento