Callori: «L'Osservatorio della Cei chiede di cambiare il modo di amministrare la nostra Regione»

Le dichiarazioni di Fabio Callori, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione e candidato all'assemblea regionale

Callori

«Il documento dell’Osservatorio della Conferenza episcopale non vuole assolutamente essere letto come un appello al voto. E credo che farebbe più fatica Bonaccini che la Borgonzoni a controfirmarlo. Siamo chiamati tutti a volare alto, e ad agire in modo saggio e giusto su temi che la sinistra ha letteralmente snobbato», dichiara Fabio Callori capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione.

«L’Osservatorio, prosegue Callori, è composto da persone qualificate nella cultura e nell’impegno sociale, in vista delle prossime elezioni regionali dell’Emilia Romagna ha prodotto un Documento che, in tempi straordinari come quelli odierni, intende avviare un processo di cambiamento. La politica è chiamata a rigenerarsi attorno all’asse vivente delle persone e della loro trascendenza, secondo il principio della sussidiarietà circolare. L’impianto del Documento si avvale di un pensiero forte che ha come orizzonte temporale il lungo periodo, sostenendo la biodiversità delle forme d’impresa. Ma anche lariorganizzazione del sistema Scuola–Università–Ricerca e il potenziamento del welfare».

La (de)natalità al primo posto nel programma elettorale di Fratelli d’Italia ed è anche la proposta che lancia il documento dell’Osservatorio e il Forum delle associazioni familiari dell’Emilia Romagna agli schieramenti politici per le elezioni regionali del 26 gennaio, la crescita delle nascite è il tema centrale «Investire sulla natalità – spiega il consigliere uscente Fabio Callori – significa prima di tutto cambiare la rotta al declino demografico che sta caratterizzando l’Italia e la nostra regione, dare un nuovo motore di crescita economica e sociale al nostro territorio, garantire la sostenibilità del sistema di welfare, dare valore ai figli e riconoscerli come fondamentale bene sociale da tutelare».

«Un altro punto in comune tra il documento e il nostro programma è la necessità di riavvicinare i giovani al mondo produttivo e comprimere quindi la fuga dei cervelli; scongiurare il reddito di non-lavoro in favore della creazione di nuovi posti di lavoro; interpretare la scuola come contenitore sociale oltreché didattico; sviluppare realtà competitive anche con le altre nazioni. Sul tema della Sanità, sottolinea Callori, la proposta del riconoscimento di nuove malattie a carattere psicologico e quindi l'istituzione della psicologia di base; il rafforzamento dell'assistenza domiciliare e della medicina territoriale distrettuale, lo smaltimento delle liste d'attesa e il potenziamento della prevenzione. E poi un passaggio di ristoro agli agricoltori danneggiati dalle politiche scellerate del centrosinistra. Proposte che, rimarca il consigliere, possono concretizzarsi solo con un autorevole Presidente di Regione come la nostra candidata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quindi, conclude Callori, è inutile che Bonaccini faccia sua qualsiasi considerazione “politica” gli passi vicina, dando una chiave di lettura esclusivamente a suo favore, l’Osservatorio della Conferenza episcopale chiede solo di cambiare il modo di amministrare la nostra Regione e il 26 gennaio abbiamo una grande occasione per farlo, questa sinistra sempre più senza leadership dimostra in ogni occasione di non esserne all’altezza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

  • Covid-19, l’aggiornamento sui casi positivi nel Piacentino del 23 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento