Callori (Fi): "Nullo l’interesse politico per l'ospedale di Villanova"

L'onorevole Elio Massimo Palmizio lamenta la mancata risposta ad una sua interrogazione, da parte del ministro alla Salute Lorenzin

Callori e Palmizio

L’onorevole  Elio Massimo Palmizio - Coordinatore Regionale di Forza Italia – Emilia Romagna  - ha presentato al Ministro della Salute  un'interrogazione a risposta scritta a seguito del mancato riscontro  a una lettera trasmessa in data 15 febbraio c.a. in relazione all’importante presidio ospedaliero “Giuseppe Verdi” di Villanova sull’Arda.

Nella comunicazione inviata al Ministro Beatrice Lorenzin Palmizio, in relazione a tale importante nosocomio riconosciuto come centro di eccellenza in Italia per l’ottima assistenza ai mielolesi,  nonché struttura per riabilitazione intensiva, faceva presente che è in atto la decisione del trasferimento di tutta l’attività di riabilitazione e di recupero nel nuovo blocco B dell’ospedale di   Fiorenzuola d’Arda, nonostante  Sindaci dei Comuni della Bassa, forti della petizione in atto contro tale trasferimento, abbiano sollecitato più volte la Regione sulla delicata questione.

Alla luce della mancata risposta alla suindicata nota, l’interrogante chiede se il Ministro abbia visionato la lettera citata e se, sulla base di quanto espresso,  non intenda adottare ogni iniziativa di competenza per scongiurare il trasferimento dell’unità spinale a Fiorenzuola d’Arda mantenendo inalterate struttura, funzioni e organico attualmente in forza all’ospedale di Villanova in virtù anche  dell’importanza storico-culturale  di tale nosocomio e del Centro di Recupero, oltre che per l’eccellenza a livello nazionale in termini di riabilitazione di lesioni da traumi  gravissimi.

Fabio Callori – Vice Coordinatore Vicario Forza Italia – Regione Emilia Romagna spiega: “Dalla mancata risposta del Ministro della Salute alle istanze  avanzate dall’on. Palmizio, si evince  palesemente  che l’interesse politico  per questa delicata situazione è pressochè nullo. Ribadisco, invece, che non è  assolutamente concepibile ed accettabile la decisione del trasferimento di tutta l’attività di riabilitazione e di recupero dell’ospedale di Villanova a Fiorenzuola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’Azienda USL e la Conferenza Socio Sanitaria  - conclude Callori - devono necessariamente impedire che questo accada ed, anzi, far sì che  venga mantenuta e consolidata per continuare ad essere  uno dei  punti di eccellenza  di cui la nostra sanità può vantarsi;  parimenti in merito all’ospedale di Fiorenzuola, lo stesso deve mantenere  quantomeno tutte le caratteristiche già insite. Non è quindi possibile accettare queste scelte  che potrebbero portare, nel futuro, a decisioni di depotenziamenti e chiusure di altre strutture sanitarie a favore di territori limitrofi.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento