Caorso riceve il Premio Pimby: ottimale la gestione dei rifiuti nucleari

L’Associazione Pimby premia, anche quest’anno, le Amministrazioni che hanno realizzato infrastrutture e opere pubbliche nel rispetto delle regole e con il consenso dei cittadini. E il premio va a Caorso, per la gestione dei rifiuti nucleari. Stasera a Roma la premiazione

Al centro il sindaco Fabio Callori
Un riconoscimento che premia la cultura del fare e che quest'anno va a buon diritto al comune di Caorso per come ha gestito lo smaltimento delle scorie della centrale nucleare. Si tratta del premio Pimby che premia le Amministrazioni che hanno realizzato infrastrutture e opere pubbliche nel rispetto delle regole e con il consenso dei cittadini. “Pimby vuole contribuire a portare alla luce esperienze virtuose nel campo della corretta informazione, della comunicazione ambientale e del coinvolgimento dei portatori di interesse di un territorio” spiegano gli organizzatori capeggiati da Patrizia Ravaioli, presidente dell'Associazione Pimby e direttore generale della Croce Rossa Italiana.

Il comune di Caorso è riuscito a instaurare un dialogo costruttivo e trasparente con la cittadinanza sul delicato tema dello smaltimento delle scorie radioattive e a sostenere una collaborazione attiva con Sogin, l'azienda che dal 1999 si occupa di decommissioning nel territorio. Sono questi i motivi che hanno portato l'amministrazione comunale ad aggiudicarsi il riconoscimento.

Stasera, a Roma, ci sarà la consegna del premio. “Sono ancora poche le Amministrazioni che riescono a creare consenso attorno a opere pubbliche strategiche per il Paese” ha detto il presidente Ravaioli. Il motivo è semplice: manca “una normativa che regoli e finanzi le modalità di partecipazione della cittadinanza a questo tipo di processo decisionale”. “Mi sento di condividere questo premio con tutti i miei concittadini” ha detto il sindaco di Caorso, Fabio Callori appena appresa la notizia. I concittadini – ha aggiunto il sindaco “devono sentirsi orgogliosi dei risultati raggiunti”. Poi, Callori ha detto di voler condividere il Pimby anche “con Sogin, la società responsabile dello smantellamento della centrale, con la quale condividiamo un percorso di partecipazione al processo decisionale, che sostiene le attività industriali rendendole più efficienti e rapide”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento