Carcere, Zandonella (Ln): «Il Pd smetta di ignorare il carcere»

L'intervento di Luca Zandonella, segretario cittadino e candidato della Lega Nord

«Che si tratti di vigilanza piuttosto che di problemi della casa circondariale, il Partito Democratico di Piacenza insiste nell’ignorare qualunque aspetto riguardante la sicurezza. Estromettere l’istituto di pena delle Novate dai finanziamenti regionali per due anni consecutivi è un altro segno di quell’inefficienza che ha contraddistinto l’amministrazione Pd fino agli ultimi giorni di mandato». Così il segretario della Lega Nord cittadina, Luca Zandonella, sul caso dell’abbandono del Comitato locale esecuzione penale adulti da parte del direttore del carcere di Piacenza, Caterina Zurlo. «La comunità carceraria – accusa Zandonella, anche capolista del Carroccio a sostegno della candidatura a sindaco di Patrizia Barbieri -, composta da detenuti che doverosamente devono scontare la pena in condizioni accettabili e da agenti che hanno diritto ad ottimali condizioni lavorative, non può restare indietro per il disinteresse di un assessore al Welfare che predilige indirizzare il finanziamento regionale a campagne di sensibilizzazione rivolte ai giovani o a interventi di mediazione penale. L’assessorato – prosegue - faccia dunque un passo indietro e consideri tanto le necessità dei detenuti, quanto i problemi della Polizia penitenziaria, già costretta ad operare sotto organico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento